Alcuni pensano che sia l'opera più strana mai pubblicata. Un libro d'arte senza eguali nel suo genere. Una parodia surreale unica ed inquietante. Grottesca ed affascinante, difficile da descrivere. Il Codex Seraphinianus, dell'artista italiano Luigi Serafini, dà vita ad un mondo magicamente bizzarro, dotato di un alfabeto proprio e illeggibile e di numerose illustrazioni prese in prestito dal mondo attuale e, al contempo, fuori dal comune.

Pubblicato per la prima volta in due volumi da Franco Maria Ricci nel 1981, il Codex è stato ripubblicato due anni dopo dalla casa editrice americana Abbeville in un volume da  370 pagine, da cui sono tratte le immagini presenti in questa pagina . Ne esistono anche un'edizione in un unico volume del 1993, con introduzione di Italo Calvino, e un'edizione italiana Rizzoli rivista con nuove illustrazioni del 2006.

Nel 2013, ben 32 anni dopo la prima edizione, Rizzoli pubblica una nuova edizione dell'opera in due versioni, trade e deluxe, arricchite da nuove tavole appositamente disegnate dall'autore e dal testo di Italo Calvino che introduceva la prima edizione.

Scritto alla fine degli anni '70, il risvolto di copertina descrive il Codex Seraphinianus come un libro per l'era dell'informazione, in cui la codificazione e decodificazione dei messaggi assumono un ruolo sempre più rilevante nel campo della genetica, dell'informatica e della critica letteraria. “Il Codex presenta la visione creativa del nostro tempo…” recita il testo. Se Serafini ha subito negli anni '70 un'influenza tale da creare un'opera così anticonformista, che influsso avrebbe sull'artista il mondo dell'informazione dominato da FaceBook, Twitter, blog e Google? Innumerevoli siti web e blog riflettono sul significato del Codex o, semplicemente, ammirano un vero esempio di opera d'arte, fantasia e creatività.

La copertina è già di per sè oggetto di studio. L'edizione Abbeville raffigura una coppia che, nell'atto di fare sesso, viene trasformata in un coccodrillo. Shakespeare descriveva il sesso come la “bestia con due schiene”, ma Serafini opera ad un altro livello rispetto al grande poeta. L'edizione del 1993 presenta in copertina un'immagine diversa: un uomo, con indosso un enorme copricapo, cavalca un lama dalle enormi corna ramificate. Entrambi sono raffigurati mentre osservano uno specchio davanti ad un edificio di pietra che offre del cibo colorato. Le due immagini sono indubbiamente bizzarre, e la coppia trasformata in coccodrillo è letteralmente inquietante.

Il Codex Seraphinianus è, in sostanza, un'enciclopedia di un mondo alieno che riflette palesemente il nostro. Ciascun capitolo è dedicato agli aspetti chiave di questo luogo surreale: flora, fauna, scienza, macchine, giochi ed architettura. È tuttavia arduo, se non impossibile, capire esattamente il contenuto delle varie pagine. Sono visibili alcuni elementi della realtà, ma quasi sempre con un tocco surrealista: fiori galleggianti, banane contenenti pillole, macchine coperte da mosche, vestiti eccentrici persino per gli anni '70, uomini con i pattini, con un pennino al posto della mano, creature bipedi con gambe umane attaccate ad ogni sorta di stranezza.

AbeBooks ha già venduto decine e decine di copie del libro di Serafini. Una prima edizione del Codex Seraphinianus, firmata dall'autore e dal valore di 3.700 €, è la copia più costosa venduta sul nostro sito.

Gli artisti ne studiano le illustrazioni, i filosofi riflettono sul significato del libro, molti tentano, invano, di decifrarne il codice (pare che le cifre siano state decifrate), gli appassionati di fiction e fantasy lo ammirano e gli studiosi tentano di classificarlo. I collezionisti ambiscono semplicemente a possederlo: e tu? Cosa faresti del libro più strano del mondo?



Un'occhiata al contenuto del libro: