Iconografia: Drago, Stella di Betlemme, Fenice, Iconografia della Trinitą, Strage degli innocenti, Iconografia cristiana delle origini, Icona (Italian Edition)

Valutazione media 0
( su 0 valutazioni fornite da Goodreads )
 
9781232011774: Iconografia: Drago, Stella di Betlemme, Fenice, Iconografia della Trinitą, Strage degli innocenti, Iconografia cristiana delle origini, Icona (Italian Edition)

Fonte: Wikipedia. Pagine: 62. Capitoli: Drago, Stella di Betlemme, Fenice, Iconografia della Trinità, Strage degli innocenti, Iconografia cristiana delle origini, Icona, Tetramorfo, Ultima Cena, Via Crucis, Clavis Artis, Sacra Parentela, Drago asiatico, Allegoria della Prudenza, Odigitria, Theotokos di Vladimir, Palma del martirio, Grottesca, Leggenda della Vera Croce, Danza macabra, Superbia, Putto, Raffigurazioni di Maometto, Carità, Madonna del Don, Trionfo della morte, Tebaide, Panaghia, Pittura paesaggistica, Clipeo, Linguaggio iconico, Traditio legis, Etimasia, Amazzonomachia, Corona di alloro, Incontro dei tre morti e dei tre vivi, Blachernitissa, Iconodiagnostica, Candelabra, Nikopoia, Iconografia della morte, Anastasi, Panorama, Metterza. Estratto: Il drago è una creatura mitico-leggendaria dai tratti solitamente serpentini o comunque affini ai rettili, ed è presente nell'immaginario collettivo di tutte le culture, in quelle occidentali come essere malefico portatore di morte e distruzione, in quella orientale come creatura portatrice di fortuna e bontà. Il termine deriva dal latino draco (nominativo), draconem (accusativo), a sua volta proveniente dal greco δράϰων (drakon), con l'omologo significato di serpente. L'etimologia del termine è stata spesso discussa: connesso col verbo δέρϰεσθαι (dèrkesthai) "guardare", probabilmente in connessione ai poteri legati allo sguardo di queste bestie o alla loro presunta vista acutissima. Nel sanscrito e nell'indiano antico: dragh-ayami, allungare (dizionario etimologico online di Ottorino Pianigiani). Fra gli animali realmente esistenti, a volte vengono chiamati "draghi" alcuni sauri, come il varano di Komodo, il drago barbuto e il drago d'acqua. Presso gli antichi Greci e, a seguire, presso i Romani, acquisirono questo nome tutte le specie di serpenti grossi ed innocui che potevano anche essere tenuti come animali domestici. Già con Omero si cita un "drago", un animale fantastico con una vista acuta, l'agilità d...

Le informazioni nella sezione "Riassunto" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

(nessuna copia disponibile)

Cerca:



Inserisci un desiderata

Se non trovi il libro che cerchi su AbeBooks possiamo cercarlo per te automaticamente ad ogni aggiornamento del nostro sito. Se il libro č ancora reperibile da qualche parte, lo troveremo!

Inserisci un desiderata