Siti archeologici della Grecia: Santuario dei grandi dei di Samotracia, PatÚla di Prinias, PriniÓs, Vergina, Dodona, Ialiso, Cnosso, Epidauro (Italian Edition)

Valutazione media 0
( su 0 valutazioni fornite da Goodreads )
 
9781232166511: Siti archeologici della Grecia: Santuario dei grandi dei di Samotracia, PatÚla di Prinias, PriniÓs, Vergina, Dodona, Ialiso, Cnosso, Epidauro (Italian Edition)

Fonte: Wikipedia. Pagine: 40. Capitoli: Santuario dei grandi dei di Samotracia, Patéla di Prinias, Priniàs, Vergina, Dodona, Ialiso, Cnosso, Epidauro, Itanos, Gortyna, Delo, Cnido, Olimpia, Cadmea, Cencrea, Malia, Vaphio, Akrotiri, Cheronea, Acropoli di Atene, Heraion di Olimpia, Anfipoli, Micene, Ceramico, Tesoro di Atreo, Heraion di Argo, Acrocorinto, Pilo di Messenia, Tirinto, Filippi, Festo, Magasa, Agía Triáda, Triopio, Diolkos, Pythagoreion, Pnice, Figaleia, Gournia, Ponte di Kazarma, Dipylon. Estratto: Il Santuario dei grandi dei di Samotracia, sull'isola omonima, era uno dei principali santuari panellenici. Costruito immediatamente a ovest delle fortificazioni della città di Samotracia, non dipendeva tuttavia da essa, come dimostra l'invio di ambasciatori dalla città al santuario in occasione delle feste. Il santuario era celebre in tutto il mondo greco per i culto misterico che vi si praticavano, dedicati a divinità ctonie, che si trovano menzionati sia da Platone che da Aristofane. La sua fama non era inferiore a quella dei misteri di Eleusi, e molti furono i grandi iniziati: da Erodoto (uno dei pochi autori greci che ha lasciato qualche indicazione sulla natura dei misteri celebrati), al re di Sparta Lisandro, a molti ateniesi. Il sito conobbe un periodo di spettacolare sviluppo architettonico in epoca ellenistica, quando, in seguito all'iniziazione di Filippo II di Macedonia, divenne una sorta di santuario nazionale macedone, dove i successori di Alessandro Magno gareggiavano in munificenza. Rimase un importante luogo di culto fino all'epoca imperiale - l'imperatore Adriano lo visitò, Varrone descrisse una parte dei misteri - prima di scomparire alla fine dell'epoca tardo-antica. L'identità e la natura delle divinità venerate nel santuario restano in gran parte misteriose, tanto più che era vietato pronunciare il loro nome. Le fonti letterarie antiche le designano con il nome collettivo di Cabiri, Kabeiroi, mentre le iscrizioni ritrovate in loco ripo...

Le informazioni nella sezione "Riassunto" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

(nessuna copia disponibile)

Cerca:



Inserisci un desiderata

Se non trovi il libro che cerchi su AbeBooks possiamo cercarlo per te automaticamente ad ogni aggiornamento del nostro sito. Se il libro Ŕ ancora reperibile da qualche parte, lo troveremo!

Inserisci un desiderata