Foto dell'editore

Canti

Leopardi, Giacomo

ISBN 10: 8854119008 / ISBN 13: 9788854119000
Editore: Newton Compton : Roma,, 2010
Nuovi Condizione: neu Brossura
Da wortart-buchversand (Bobingen, Germania)

Libreria AbeBooks dal 12 febbraio 2002 Valutazione Libreria 5 stelle

Quantità: 1

Compra nuovo
Prezzo: EUR 9,99 Convertire valuta
Spedizione: EUR 3,95 Da: Germania a: U.S.A. Destinazione, tempi e costi
Aggiungere al carrello

Riguardo questo articolo

-- Canti. A cura di Lucio Felici -- 384 S., 13 x 22 cm, kartoniert; -- [ Italienischsprachiger Text ] -- Buchreihe: Grandi Tascabili Economici 41 -- Zustand: neu -- weitere Informationen wie die Widerrufsbelehrung finden Sie in den 'Anbieter- und Zahlungsinformationen'; Alle Preisangaben inkl. MwSt. Codice inventario libreria 4031948

Fare una domanda alla libreria

Dati bibliografici

Titolo: Canti

Casa editrice: Newton Compton : Roma,

Data di pubblicazione: 2010

Legatura: Soft cover

Condizione libro:neu

Descrizione articolo

Riassunto:

"I Canti" di Leopardi sono una delle più alte espressioni della lirica dell'Ottocento, accanto alle poesie di Hölderlin, Keats, Shelley, Baudelaire; ma sono anche un capolavoro assoluto e universale, la cui perenne attualità è dimostrata dal moltiplicarsi di studi e traduzioni in ogni paese. Questo commento si segnala per la limpidezza e ricchezza dell'annotazione, che tende a spiegare "Leopardi con Leopardi", facendo ricorso alle varianti autografe e ai testi in prosa del poeta. Lucio Felici, critico letterario, è autore di saggi sul Settecento e sull'Ottocento, in particolare su Leopardi, Belli e Giusti. Ha curato edizioni di Guicciardini, Foscolo, Manzoni, Fucini, e un'antologia della Poesia italiana del Seicento.

Recensione:

Leopardi, la quiete dopo la tempesta, la leggiadria prima dell'apparir del vero

La grandezza di Leopardi e la sua capacità di comunicare emozioni e verità è enorme, e passa immutata attraverso il tempo e le generazioni. Proprio per questo, se pensiamo ai Canti, si ha solo l'imbarazzo della scelta. E allora inizierei proprio, paradossalmente ma non troppo, dall'amore di Leopardi per la vita, che mi è sempre parso estremo e vertiginoso. Un amore che si osserva nella freschezza di certi ritratti, nella lieve descrizione di alcune situazioni, e soprattutto riferito all'innocenza semplice o al «caro tempo giovanil». Basti pensare a quell'attacco indimenticabile: «Dolce e chiara è la notte e senza vento», o alla giovane Silvia dagli occhi «ridenti e fuggitivi» e «assai contenta / di quel vago avvenir che in mente avevi», mentre il poeta stesso definisce «leggiadri» i propri studi. Il tutto, certo, prima del lancinante «apparir del vero», con quell'immagine tremenda, e tra le più alte della nostra poesia: «e con la mano / la fredda morte ed una tomba ignuda / mostravi di lontano». Tornano poi alla mente le scene della Quiete dopo la tempesta, l'erompere vitale del sereno, l'artigiano che viene fuori «con l'opra in man cantando», mentre «si rallegra ogni core». Appartiene a questo clima di semplice adesione all'esistere anche la celeberrima donzelletta del Sabato del villaggio, e poi i «fanciulli gridando / su la piazzola in frotta» e lo zappatore che fischietta. L'incanto e la leggiadria con cui Leopardi presenta queste scene e questi personaggi umili sono l'esempio e la prova del suo trasporto sincero per l'esistere. Ma è proprio di qui che si intravede il rovescio della medaglia, e subito si impone la disillusione, quel senso di profonda frustrazione che è in fondo il grande tema centrale, o la grande metafora, di tutta la tradizione lirica, e cioè l'amore non corrisposto. Lo rileggiamo nell'Ultimo canto di Saffo, dove ci troviamo di fronte ai «disperati affetti». Nello Zibaldone scriveva il poeta: «L'uomo di immaginazione, sentimento e di entusiasmo, privo della bellezza del corpo, è verso la natura appresso a poco quello che è verso l'amata un amante ardentissimo e sincerissimo non corrisposto». Portando avanti il discorso, o spingendoci al suo vero nucleo decisivo, si potrebbe dire che l'uomo ha in sé risorse d'amore e di adesione alla vita quasi inesauribili; ma la vita lo ripaga con l'indifferenza o il dolore, lasciandolo come una presenza irrilevante e caduca. D'altronde è proprio il dolore un'esperienza infelice e cruciale (ma in fin dei conti vitale) del nostro esistere, e Leopardi ce ne dà una testimonianza senza pari, guardando in faccia il «vero» con eroica fermezza. Tornando però ai toni di più serena armonia, e ai colori di indefinita bellezza vaga della tavolozza leopardiana, vediamo che il linguaggio ne è tanto spesso lo specchio più fedele. Leopardi argomenta e ragiona, lo sappiamo, ma tanto spesso riesce a proporci un'ineguagliabile e vitale semplicità di accenti. La parola scorre con mirabile naturalezza, diventa trasparente e libera, senza scorie letterarie né artifici. Diventa la meraviglia della forma che passa immutabile nel tempo e quasi lo cancella, come è sempre nel miracolo della poesia davvero grande.

Recensione di Tuttolibri, a cura di Maurizio Cucchi

Le informazioni nella sezione "Su questo libro" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

Descrizione libreria

Visita la pagina della libreria

Condizioni di vendita:

Impressum:
WortArt-Buchversand
Inh. Günter Kellner
Max-Fischer-Str. 11
86399 Bobingen
Tel: 0821.5708558
Fax: 08231.4013079
E-Mail: mail@wortart-buchversand.de
USt Id-Nr.: DE813054574

Alle angegebenen Preise sowie Versandkosten sind in Euro ausgewiesen und enthalten die gesetzliche Mehrwertsteuer.

---Widerrufsbelehrung---
Widerrufsrecht
Sie haben das Recht, binnen vierzehn Tagen ohne Angabe von Gründen diesen Vertrag zu widerrufen.
Die Widerrufsfrist beträgt vierzehn Tage ab dem Tag an dem Sie od...

Ulteriori informazioni
Condizioni di spedizione:

Informazioni dettagliate sul venditore

Tutti i libri della libreria

Metodi di pagamento
accettati dalla libreria

Visa Mastercard American Express Carte Bleue

PayPal Pagamento su ricezione fattura Bonifico bancario