AbeBooks Home

A proposito di libri


Il blog di AbeBooks

Ricerca avanzata Catalogo Libri antichi e rari Librerie
Ricerca Avanzata
Tag Archives: letteratura

Le avventure di Pinocchio, come nacque la prima edizione

collodi

Prima edizione illustrata (1883)

Alzi la mano chi non hai mai letto da piccolo la favola di Pinocchio?
Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di  Carlo Collodi è ritenuto  a tutti gli effetti un capolavoro della letteratura per ragazzi, non solo italiana ma mondiale.
Il romanzo era uscito inizialmente  a puntate ne ”Il Giornale dei Bambini” diretto da Ferdinando Martini tra il 1881 e il 1883 e la prima apparizione di Pinocchio fu nell’usctita del 7 luglio 1881.

Collodi scrisse le prime 4 cartelle di quella che lui stesso definì una bambinata con il solo fine di pagarsi i debiti di gioco; la pubblicazione continuò con numerose interruzioni, a seconda delle condizioni economiche dell’autore, e si compì in 30 capitoli apparsi in 26 numeri del giornale, terminando il 25 Gennaio del 1883.
Immediatamente il Paggi, che felicemente intuì la possibilità di un fortunato lancio del romanzo diede alle stampe l’edizione originale in volume, che è assai più difficile a reperirsi rispetto al ”Giornale”: la sua assoluta rarità è dovuta all’estrema deperibilità di un libro dato in lettura ai bambini.

avventure

Prima edizione illustrata (1883) rilegato nel 2015 da Sandra Varisco in marocchino panna con intarsi figurati in pelle verde

 

Dunque la prima edizione del libro è datata 1883  e fu pubblicata dalla libreria editrice Felice Paggi con le illustrazioni di Enrico Mazzanti, 62 vignette ”che delineano compiutamente l’universo iconografico del burattino con fulminee suggestioni che faranno scuola e sapiente uso di rappresentazioni a silhouettes” (Pallottino).

Disegno originale per biglietto d'auguri, Walt Disney, 1940 circa

Disegno originale per biglietto d’auguri, Walt Disney, 1940 circa

 

La fama del romanzo nonché del protagonista Pinocchio crebbe negli anni grazie anche alla traduzione in lingua inglese nel 1892, preludio alla traduzione praticamente in tutte le lingue (si stima ad oggi in 240 lingue), numerose versioni a fumetti e i cartoni animati della Walt Disney.

Bookcity Milano 2013: pronti, partenza, via!

bookcity1

La capitale del libro per questo weekend sarà certamente la città di Milano grazie al festival Bookcity Milano, giunto alla seconda edizione, in programma da giovedì 21 a domenica 24 Novembre. L’evento, fortemente voluto dal Comune e da un Comitato Promotore di pregio (Fondazione Rizzoli “Corriere della Sera”, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri, nonoché AIB, AIE, ALI e la Camera di Commercio di Milano) propone Milano come città capace di essere promotrice della lettura e polo culturale in vista dell’Expo 2015. Il centro del festival sarà il Castello Sforzesco, con un laboratorio dedicato al libro e alla lettura, ma in realtà la manifestazione abbraccerà tutta la città con una miriade di eventi. L’organizzazione vuole fare le cose in grande per questa edizione: più di 650 iniziative tra incontri, dibattiti, reading, mostre e proiezioni che coinvolgeranno circa 180 location all’interno della città.

bookcity2L’idea della manifestazione culturale è coinvolgere luoghi della vita pubblica e privata del territorio urbano: dunque sono previsti eventi “tematici” nelle sedi della cultura milanese, eventi “diffusi” sul territorio, come librerie, scuole, biblioteche, ma anche eventi “fuori luogo” che portano la lettura in luoghi inusuali.

Per non perdersi nel mare di eventi ed incontri della Bookcity Milano 2013, vi invitiamo a consultare il programma all’interno del sito ufficiale. Molto utile anche la possibilità di scegliere in base ai temi della rassegna culturale attraverso un comodo indice dei temi. Tra gli ospiti più attesi ci sono Umberto Eco, Dario Fo e Luis Sepulveda, che presenterà in anteprima nazionale il suo nuovo libro.  Altri incontri che si preannunciano molto interessanti sono quelli con Vito Mancuso, Walter Siti, Fabio Volo, Dacia Maraini, Silvia Avallone, Corrado Augias, Sandro Veronesi e Giovanni Soldini.

Voi cosa avete in programma? Quali sono gli eventi di Bookcity Milano che vi interessano di più?

Buon divertimento!       

 

 

Foto: comune.milano.it; inlibreria.inmondadori.it

Fonti: flaneri.com/index.php/flaneri/leggi/al_via_la_seconda_edizione_di_bookcity_milano/

ilgiorno.it/milano/cronaca/2013/11/19/984886-bookcity-programma-appuntamenti-2013.shtml

A 90 anni dalla nascita, ricordiamo Italo Calvino e le sue opere

italo-calvino

Ricorre oggi l’anniversario della nascita di Italo Calvino (15/10/1923 – 19/07/1985), uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento, nonchè intellettuale di grande impegno politico e civile.
Nella prima fase della sua ricerca artistica, con il romanzo Il sentiero dei nidi di ragno, si colloca all’interno del movimento neorealista, mostrando una capacità rappresentativa della realtà molto lucida e raccontando i temi dell’impegno politico della sua esperienza partigiana, con spontaneità e leggerezza.
Con quest’opera, Calvino, avvia la tecnica dello sdoppiamento dei livelli di lettura: da una parte il livello narrativo, semplice e comprensibile a tutti; dall’altro il livello visibile solo dai fruitori più smaliziati.
Con Il Visconte dimezzato , inizia il periodo “fantastico”; i due livelli di lettura sono quello narrativo e quello allegorico-simbolico , in cui sono presenti numerosi spunti di riflessione. Anche le altre due opere della trilogia (Il barone rampante e Il cavaliere inesistente ) mostrano queste caratteristiche. Di questo periodo sono anche Marcovaldo e La giornata di uno scrutatore.
Negli anni sessanta Calvino porta le sue opere ad una nuova letteratura, intesa ora come gioco combinatorio: il meccanismo che permette di scrivere e lo studio linguistico assumono un ruolo centrale all’interno dell’opera. Uno stile molto vicino alla Neoavanguardia, ma da cui egli si distanzia, utilizzando uno linguaggio più comprensibile. Il primo vero prodotto di questa nuova concezione è sicuramente Il Castello dei destini incrociati , con l’aggiunta successiva di La Taverna dei destini incrociati , in cui il percorso narrativo è affidato alla combinazione delle carte di un mazzo di tarocchi.
Ne Le città invisibili , l’esibizione dei meccanismi combinatori del racconto diventa ancora più espicita, grazie alla struttura segmentata del romanzo.
Il romanzo più metanarrativo di Calvino è sicuramente Se una notte d’inverno un viaggiatore, dove egli mette a nudo i meccanismi della narrazione, portando alla riflessone sulla scrittura e sul rapporto tra il lettore e lo scrittore.
Di certo l’impressione che si ha, analizzando le sue opere e la sua personalità, è di contraddizione: da un lato una grande varietà di atteggiamenti che riflette gli indirizzi culturali tra il 1945 e il 1985; dall’altro una sostanziale unità data da un atteggiamento razionalista-metodologico, dal gusto dell’ironia e dall’interesse per le scienze. Ma la contraddizione è solo apparente, perché in tutte le sue opere questi due aspetti si uniscono e ci lasciano, leggendo, sempre affascinati.

A 90 anni dalla nascita di Italo Calvino, AbeBooks vi propone una serie di libri da collezione, copie rare e prime edizioni delle maggiori opere dello scrittore:

 

calvino3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Marcovaldo, illuistrazioni di Sergio Tofano, 1963

calvino5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

calvino4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

calvino2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Cosmicomiche, 1965

calvino1