Il desiderio di essere come tutti Il Premio Strega è, da oltre sessant'anni, uno dei più importanti riconoscimenti letterari italiani. L'idea nasce nel 1947 nel salotto letterario dei coniugi Maria e Goffredo Bellonci, con il contributo di Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del liquore che dà nome al premio ed ancora sponsorizza l'evento. Alla gara sono ammessi libri di narrativa in prosa di autori italiani, pubblicati tra il 1 maggio dell’anno precedente ed il 30 aprile dell’anno in corso.

A partire dal 1944 si riuniscono a casa Bellonci "amici, giornalisti, scrittori, artisti, letterati, gente di ogni partito", nel "tentativo di ritrovarsi uniti per far fronte alla disperazione e alla dispersione" (dalla prima pagina del quaderno di Maria Bellonci, 1944). Inizialmente sono i frequentatori del salotto, chiamati "Amici della Domenica", ad eleggere il vincitore. Fra i primi, vi sono grandi nomi della letteratura quali Gadda, Longhi, Banti, Bontempelli, Palazzeschi, Moravia, Morante, Debenedetti e Silone.

Dopo la morte dei Bellonci, la scelta del vincitore viene affidata ad una giuria composta da 400 persone, ancora chiamate "Amici della Domenica", che fanno parte del mondo culturale e letterario italiano. I giurati selezionano le opere ammesse al concorso ed eleggono, in due tornate, i finalisti ed il vincitore. Ogni titolo deve avere il sostegno di almeno due giurati.

II premio fu annunciato, per la prima volta, il 16 febbraio 1947. In quell'edizione erano quattordici i titoli in gara ed Ennio Flaiano, con Tempo di uccidere, fu eletto vincitore. Poi i premi si susseguirono dal dopoguerra fino ad oggi con la partecipazione dei maggiori autori italiani del secondo novecento; tra gli altri si ricordano Moravia, Morante, Pavese e Tomasi di Lampedusa.

Il Premio Strega 2014 è stato vinto da Francesco Piccolo con il libro Il desiderio di essere come tutti.

I vincitori dal 1947 al 2014

Opere in primo piano

2010-2014

Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi

Canale Mussolini

Antonio Pennacchi

Canale Mussolini

Un poema che intreccia le vicende drammatiche dei suoi protagonisti a quelle di mezzo secolo di storia italiana.

Premio Strega 2010

1999-2009

La solitudine dei numeri primi
Non ti muovere

Le menzogne della notte

Gesualdo Bufalino

Le menzogne della notte

In un'isola penitenziaria fra equivoche confessioni e angosce d'identità, un gruppo di condannati a morte trascorre l'ultima notte.

Premio Strega 1988

1989-1998

Microcosmi
La chimera

L'armata dei fiumi perduti

Carlo Sgorlon

L'armata dei fiumi perduti

Romanzo ambientato nel Friuli invaso dall'armata di Cosacchi, fatta affluire dai Tedeschi nell'estate del '44 con la promessa di una nuova patria.

Premio Strega 1985

1979-1988

Le menzogne della notte
La chiave a stella

La chiave a stella

Primo Levi

La chiave a stella

Divertenti e interessanti avventure di un tecnico piemontese nei posti più sperduti del pianeta, e alcune esperienze professionali dell'autore.

Premio Strega 1979

1969-1978

Un altare per la madre
Le stelle fredde

Poveri e semplici

Guglielmo Petroni

La morte del fiume

Il volume vincitore nel '74 del premio Strega viene ri-edito per commemorare lo scrittore nei cento anni dalla nascita.

Premio Strega 1974

1958-1968

Una spirale di nebbia
Lessico famigliare

La ragazza di Bube

Carlo Cassola

La ragazza di Bube

La ragazza di Bube segna una profonda cesura nella narrativa italiana del dopoguerra. Tratto da una storia realmente accaduta, il romanzo si arricchisce di elementi psicologici e lirici.

Premio Strega 1960

1947-1957

Lettere da Capri
La bella estate

La bella estate

Cesare Pavese

La bella estate

E' la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Anno di pubblicazione 1949.

Premio Strega 1950

Lascia un commento: