Grande pittura genovese dall'Ermitage. Da Luca Cambiaso a Magnasco. Ediz. illustrata

)  
9788820215088: Grande pittura genovese dall'Ermitage. Da Luca Cambiaso a Magnasco. Ediz. illustrata
Vedi tutte le copie di questo ISBN:
 
 

Il volume è il catalogo della mostra di Genova (Palazzo Ducale, 16 marzo - 30 giugno 2002).

Le informazioni nella sezione "Riassunto" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

Descrizione del libro:

Il volume presenta una ricca selezione di opere di grandi artisti attivi a Genova nel periodo compreso fra il Cinquecento e il Settecento. Si tratta di opere conservate all'Ermitage di San Pietroburgo, museo che, a testimonianza degli stretti contatti che hanno legato per secoli Genova alla corte degli zar di Russia, possiede una delle collezioni d'arte ligure più ampie al mondo. Accanto ai quadri e ai disegni di Luca Cambiaso, Bernardo Strozzi, Valerio Castello, G. B. Langetti, Grechetto, Alessandro Magnasco e di molti altri grandi artisti, compaiono in catalogo anche preziosi documenti che aiutano il lettore a ricostruire le situazioni storiche e le personalità dei politici, dei diplomatici e degli uomini d'affari che nei secoli hanno determinato i contatti tra la città ligure e San Pietroburgo.

160 Pagine - 90 Illustrazioni ( 70 a colori )
Dimensioni: 24x30 cm

Brossura

Le informazioni nella sezione "Su questo libro" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

I migliori risultati di ricerca su AbeBooks

1.

AUTORI VARI AA. VV.
Editore: MAZZOTTA (2002)
ISBN 10: 882021508X ISBN 13: 9788820215088
Nuovo Brossura Prima edizione Quantità: 1
Da
Bibliodafè
(NAPOLI, NA, Italia)
Valutazione libreria

Descrizione libro MAZZOTTA, 2002. Brossura. Condizione: nuovo. Condizione sovraccoperta: nuovo. prima edizione. AA.VV. (Autori Vari) Grande pittura genovese dall'Ermitage da Luca Cambiaso a Magnasco. Ediz. illustrata Introduzione di Nikolaj Spasskij Collaboratore Gosudarstvennyi Ermitazh (Russia) Mazzotta, Marzo 2002 160 PP. Il volume è il catalogo della mostra di Genova (Palazzo Ducale, 16 marzo, 30 giugno 2002). FONDO DI MAGAZZINO: LIEVI SEGNI DEL TEMPO FRONTE RETRO IN COPERTINA, PER IL RESTO PARI AL NUOVO. Vi è presentata una ricca selezione di opere di grandi artisti attivi a Genova nel periodo compreso fra il Cinquecento e il Settecento. Si tratta di opere conservate all'Ermitage di San Pietroburgo, museo che, a testimonianza degli stretti contatti che hanno legato per secoli Genova alla corte degli zar di Russia, possiede una delle collezioni d'arte ligure più ampie al mondo. Accanto ai quadri e ai disegni di Luca Cambiaso, Bernardo Strozzi, Valerio Castello, G. B. Langetti, Grechetto, Alessandro Magnasco e di molti altri grandi artisti, compaiono in catalogo anche preziosi documenti che aiutano il lettore a ricostruire le situazioni storiche e le personalità dei politici, dei diplomatici e degli uomini d'affari che nei secoli hanno determinato i contatti tra la città ligure e San Pietroburgo. La storia dei rapporti tra Genova e la Russia conta diversi secoli. Vi sono state anche pagine oscure e drammatiche, ma non è mai venuto meno il grande interesse che i russi hanno nutrito per Genova, come città, come Stato, come civiltà. Se si cerca di analizzare l'immagine che di Genova si è formata in Russia, viene spontaneo ricordare le parole di Gogol' che così ha descritto l'impressione di uno dei suoi personaggi giunto per la prima volta in questa città: "Portò con sé il ricordo di Genova come di una sosta bellissima; vi aveva ricevuto il primo bacio dell'Italia" Fa piacere, dunque, che oggi Genova partecipi attivamente alla cooperazione russo-italiana. Nel luglio dello scorso anno in questa Città, nell'ambito del vertice G8, ha avuto luogo il primo incontro tra il Presidente della FederaIone Kussa, Vladimir Putin, e il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, Silvio Berlusconi. I rapporti economici tra i nostri Paesi vedono inoltre coinvolti in interessanti e promettenti progetti anche imprenditori genovesi. Ma, prima di tutto, va riconosciuto il contributo di Genova agli scambi culturali. Non e facile stupire I'ltalia, Paese dotato di un enorme patrimonio culturale, con manifestazioni artistiche. Eppure mostre come "El siglo de los Genoveses e "Kandinsky, Vrubel, Jawlensky e gli artisti russi a Genova e nelle Riviere", allestite nel Palazzo Ducale con la collaborazione dell'Ermitage, sono state davvero eventi eccezionali non solo su scala nazionale ma anche, senza dubbio, a livello europeo. Non sono state esposizioni come tante: esse intatti hanno consentito di approfondire le ricerche sul nostro passato comune. Adesso il Palazzo Ducale di Genova e l'Ermitage di San Pietroburgo, con il patrocinio del Comune di Genova, realizzano una nuova importante iniziativa. II contributo del museo russo a questa esposizione consiste nel prestito di 52 opere tra dipinti, disegni e sculture. Gli autori dei testi in catalogo dischiudono, credo per la prima volta, un filone storico di straordinario interesse. Grazie a essi riscopriamo non solo la grande pittura genovese dei secoli passati, ma anche il momento più brillante delle relazioni russo-genovesi. E cosi pure riscopriamo l'interesse che la città di San Pietroburgo già nel XVIII secolo coltivava nei confronti di Genova, allo stesso modo in cui il mio "collega", l'Ambasciatore di Genova Stefano Rivarola, molto tempo fa poteva dire di trovarsi tanto bene a San Pietroburgo. Sono sicuro che questa mostra sarà un evento memorabile per la vita culturale delle due città, Genova e San Pietroburgo, e per i rapporti tra i nostri due Paesi. Nikolaj Spasskij Ambasciatore della Federazione Russa in Italia Soggetti: Arte, Mostre internazionali, Esposizioni, Musei, Raccolte, Collezioni, Tempo libero, Arti decorative, Pittura genovese, Libri Vintage, Fuori catalogo, Ermitage, Russia, San Pietroburgo, Genova, Relazioni internazionali, Scambi culturali, Zar, Impero Russo, Diplomazia, Repubblica genovese, Artisti, Collaborazioni, Bibliografia, Opere generali, Intellettuali, Pittori russi, Gogol, El siglo de los genoveses, Kandisky, Vrubel, Jawlensky, Riviera ligure, Relazioni diplomatiche, Caterina II, Golicyn, Puskin, Collezioni, Fratelli Tronchin, Voyage es Sibérie, Cultura, Chappe d'Auteroche, Cinquecento, Seicento, Settecento, Missione Rivarola, Dipinti, Disegni, Palazzo Spinola Serra Campanella, Cremlino, Pietro il Grande, Libri illustrati, Iconografia, Estetica, Filosofa, Giovanni Agostino Cassana, Cataloghi, Art, International exhibitions, Exhibitions, Museums, Collections, Leisure, Decorative arts, Genoese painting, Out of print books, Hermitage, Saint Petersburg, Genoa, International relations, Cultural exchanges, Tsar, Russian Empire, Diplomacy, Genoese Republic, Artists , Collaborations, Bibliography, General works, Intellectuals, Russian painters, Ligurian Riviera, Diplomatic relations, Catherine II, Collections, Culture, 16th century, 17th century, 18th century, Missions, Paintings, Drawings, Kremlin, Peter the Great, Books illustrated, Iconography, Aesthetics, Philosopher, Catalogs Parole e frasi comuni acquisito Alessandro Magnasco Archivio Rivarola artisti Assereto attribuito Benois Bernardo Strozzi Bibliografia Biblioteca Società Economica Caretta Caterina Charles De Wailly città Cobenzl collezione collezione privata commerciali composizione conservato Cristo Crozat decorazione artista dipinti diplomatici disegno Dobroklonskij Domenico Piola eseguito figure Franchini Guelfi Galleria di Palazzo Gioacchino Assereto Giovanni Battista Giovanni Battista Paggi Giovanni Benedetto Castiglione Grigorieva inchiostro marrone acquerellato Jaremic Ermitage Langetti Leningrado Liphart Louvre Luca Cambiaso Lugt maestro marmo ministro Mosca Museo Mu. Codice articolo ABE-1590435789186

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 19,99
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 34,00
Da: Italia a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi