Articoli correlati a I veleni della dolce Linnea

I veleni della dolce Linnea

Valutazione media 3,58
( su 1.956 valutazioni fornite da Goodreads )
 
9788870911176: I veleni della dolce Linnea
Vedi tutte le copie di questo ISBN:
 
 

Nel giardino di una casetta rossa, nella quieta campagna dei dintorni di Helsinki, un'esile vecchietta sta annaffiando la sua aiuola di violette. Le rondini volteggiano cinguettando, i calabroni ronzano, un gatto sonnecchia sul prato. Ma l'idillio, ahimè, è solo apparente: la vita tranquilla di Linnea Ravaska, ottuagenaria vedova di colonnello, è avvelenata da una banda di malfattori che piomba ogni mese dalla capitale per estorcerle la pensione. Lo snaturato nipote Kauko e i suoi degni accoliti non si accontentano di derubarla, ma devastano tutto quanto si trovano davanti, torturano il gatto, picchiano per gioco, saccheggiano, sporcano, distruggono, senza che Linnea osi ribellarsi, fino al fatidico giorno in cui il troppo è troppo.

Le informazioni nella sezione "Riassunto" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

Recensione:

Arsenico (e beffe) alla finlandese

Luigi Forte, Tuttolibri - La Stampa

Ricordate il vecchio esilarante film di Frank Capra Arsenico e vecchi merletti con il suo umorismo macabro e grottesco? Veniva da dire sull’istante: vatti a fidare di due candide vecchiette. Premurose e gentili fino all’inverosimile. E decise a non far soffrire il prossimo eliminandolo anzitempo. Non è improbabile che anche il finlandese Arto Paasilinna se lo sia ricordato scrivendo nella seconda metà degli Anni Ottanta I veleni della dolce Linnea, ora nella traduzione di Helinä Kangas e Antonio Maiorca e con una bella postfazione di Goffredo Fofi.
La sua ottuagenaria ma ancora arzilla Linnea, vedova di un colonnello, manipola un po’ a caso sostanze velenose e certo non per passatempo. Ha deciso di non subire più le angherie di tre mascalzoni guidati dal nipote Kauko, che le sottraggono la pensione mese dopo mese, sfasciano la sua casetta di campagna e uccidono il suo bel micio. Fugge a Helsinki la povera Linnea, da un vecchio amico, ma sa che la gang la tallona. Meglio la morte che altre violenze. Ma Paasilinna le viene in soccorso con la sua fisiologica vocazione al riso e dal momento che ci fa divertire siamo disposti a perdonargli ogni eccentrica esuberanza. Stavolta sono i giovani a rimetterci: lei passa indenne attraverso le più rocambolesche avventure e ogni volta, stupita ma non addolorata, si trova davanti un cadavere. Insomma, il veleno funziona sugli altri, anche se Linnea lo ha preparato per sé.
Inutile dire che in questa storiella piena di situazioni stravaganti e improbabili si ride a ogni pagina. Ma il riso degenera in una beffarda smorfia, perché c’è amarezza e violenza nelle gelide contrade di Paasilinna. Il suo consueto mondo di eroi scalcagnati e sfigati, di emarginati e rancorosi, il suo universo di asociali che richiama, come giustamente ricorda Fofi, la realtà del regista Aki Kaurismäki, si è rattrappito stavolta in un grumo malavitoso, nella efferatezza di tre giovani allo sbando, che pensano a far fuori la vecchia e a impossessarsi della sua eredità. Ma dietro il perfetto meccanismo narrativo, a cui lo scrittore ci ha ormai abituati con i sei romanzi che Iperborea ha pubblicato finora, si cela l’osservatore smaliziato, tutt’altro che indifferente di fronte al male del mondo.
Paasilinna ha scritto con I veleni della dolce Linnea un apologo sul rapporto fra giovani e vecchi, tra due categorie che la società rischia di dimenticare, fra le quali dialogo e solidarietà sono merce ormai rara. La violenza afferra gli uni e gli altri, vittime più che carnefici. Ma il gioco dello scrittore ha una tale brillantezza da farci dimenticare perfino l’inferno che si cela dietro. Se non fosse per il finale in compagnia di Belzebù: lì sono finiti i nostri eroi, non a bruciare per l’eternità, ma a lavorare sodo. Non possiamo che rallegrarci con la vecchia Linnea. Se non c’è più morale nel mondo, che almeno ci sia nell’aldilà, dove Paasilinna ha già prenotato un posto per farci ancora ridere, e stavolta chissà per quanto tempo.

Le informazioni nella sezione "Su questo libro" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

Spese di spedizione: EUR 3,59
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Aggiungere al carrello

I migliori risultati di ricerca su AbeBooks

Foto dell'editore

Arto Paasilinna
Editore: Iperborea
ISBN 10: 8870911179 ISBN 13: 9788870911176
Nuovo Quantità: > 20
Da:
Brook Bookstore
(Milano, MI, Italia)
Valutazione libreria

Descrizione libro Condizione: new. Codice articolo DS0GTM4AHD

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 25,73
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 3,59
Da: Italia a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi
Foto dell'editore

Paasilinna, Arto
Editore: Iperborea (2003)
ISBN 10: 8870911179 ISBN 13: 9788870911176
Nuovo Brossura Quantità: 3
Da:
libreriauniversitaria.it
(Occhiobello, RO, Italia)
Valutazione libreria

Descrizione libro Condizione: NEW. Codice articolo 9788870911176

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 14,92
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 17,95
Da: Italia a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi
Foto dell'editore

Paasilinna, Arto
Editore: Iperborea (2003)
ISBN 10: 8870911179 ISBN 13: 9788870911176
Nuovo Paperback Quantità: 1
Da:
Revaluation Books
(Exeter, Regno Unito)
Valutazione libreria

Descrizione libro Paperback. Condizione: Brand New. Italian language. 7.87x3.94x0.71 inches. In Stock. Codice articolo zk8870911179

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 34,43
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 11,82
Da: Regno Unito a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi