Oltre e di lą dal mondo: l'essenza della schizofrenia. Fenomenologia e psicopatologia

Valutazione media 0
( su 0 valutazioni fornite da Goodreads )
 
9788898991211: Oltre e di lą dal mondo: l'essenza della schizofrenia. Fenomenologia e psicopatologia
Vedi tutte le copie di questo ISBN:
 
 

"Questo testo č nato da una profonda convinzione sulla quale ci siamo incontrati entrambi, pur essendo psichiatri clinici appartenenti a due distinte generazioni di psicopatologi: che la schizofrenia fosse un pianeta diverso e lontano da tutto il resto della galassia psicotica. Per questo non saremo mai sufficientemente grati a Eugen Bleuer il quale, ormai oltre un secolo fa, isolņ dal mainstream della kraepeliniana dementia praecox proprio il fenomeno schizofrenia, anche se lo fondņ su basi diverse da quelle esposte in questo testo. Questo tentativo di isolare e specificare le fondamenta di un determinato disturbo, come quello schizofrenico, distinguendolo nettamente da tutti gli altri, potrebbe sembrare alquanto velleitario, in assenza di precisi marker biologici e di convalidati e condivisi cluster psicopatologici. Tutto questo appare, invece, meno velleitario, se si segue un'altra logica, che qui cerchiamo di proporre: quella dell'esistenza di precisi marker trascendentali capaci di confermare la presenza e la qualitą di un disturbo come quello schizofrenico. Ovvero una sorta di "organizzatori filosofici di primo rango", in grado di dare ragione dell'etiopatogenesi di una sindrome che apparirą, poi, sul piano fenomenico-ontico, quanto mai variabile, ma cionondimeno riconoscibile da - e riconducibile a - un comune denominatore fenomenologico-ontologico."

Le informazioni nella sezione "Riassunto" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

Dalla quarta di copertina:

Questo percorso, sviluppato a “quattro mani”, corre sicuramente il rischio di essere considerato molto ambizioso, quando non addirittura rivelativo-profetico nelle sue premesse. Ma è un rischio, questo, che abbiamo ponderato a lungo, e che, alla fine, abbiamo deciso di correre. Come sappiamo, è comunque assai rischioso finire negli “artigli del diavolo filosofico” parlando di ontologia... In realtà questo testo è nato da una profonda convinzione sulla quale ci siamo incontrati entrambi, pur essendo psichiatri clinici appartenenti a due distinte generazioni di psicopatologi: che la schizofrenia fosse un pianeta diverso e lontano da tutto il resto della galassia psicotica. Per questo non saremo mai sufficientemente grati a Eugen Bleuer il quale, ormai oltre un secolo fa, isolò dal mainstream della kraepeliniana dementia praecox proprio il fenomeno schizofrenia, anche se lo fondò su basi diverse da quelle esposte in questo testo. Questo tentativo di isolare e specificare le fondamenta di un determinato disturbo, come quello schizofrenico, distinguendolo nettamente da tutti gli altri, potrebbe sembrare alquanto velleitario, in assenza di precisi marker biologici e di convalidati e condivisi cluster psicopatologici. Tutto questo appare, invece, meno velleitario, se si segue un’altra logica, che qui cerchiamo di proporre: quella dell’esistenza di precisi marker trascendentali capaci di confermare la presenza e la qualità di un disturbo come quello schizofrenico. Ovvero una sorta di “organizzatori filosofici di primo rango”, in grado di dare ragione dell’etiopatogenesi di una sindrome che apparirà, poi, sul piano fenomenico-ontico, quantomai variabile, ma cionondimeno riconoscibile da - e riconducibile a - un comune denominatore fenomenologico-ontologico.

Dalla seconda/terza di copertina:

L’opera di Arnaldo e di Gilberto si raccomanda come un livre de chevet, o meglio un “breviario”, per chi abbia pratica di “irriducibile erranza” e sa cosa significhi “trovarsi in un sentiero che, interrompendosi, svia”. Filippo Maria Ferro Chieti la fenomenologia di Arnaldo Ballerini e Gilberto Di Petta risulta preziosa, riesce a esprimere un’opera in senso raro e forte per almeno due motivi: riesce a mostrare nella fenomenologia dell’esperienza psicotica il limite e la verità dell’esperienza umana, nell’oscurità della schizofrenia l’azione ininterrotta di una “cosa” oscura che fonda la luce in cui si muove l’animale simbolico, sociale, esistentivo; e riesce proprio perciò un’altra cosa che è in fondo un’altra faccia della stessa cosa, che la fenomenologia dell’esperienza psicotica apre una via che finirà per strappare la fenomenologia “dei filosofi” alla sua compostezza egologica, per distogliere il trascendentalismo della filosofia moderna dalla sua inclinazione soggettivistica, per forzare tutti e ciascuno a gettare uno sguardo sull’inumano di cui è fatto l’umano. Federico Leoni Verona

Le informazioni nella sezione "Su questo libro" possono far riferimento a edizioni diverse di questo titolo.

I migliori risultati di ricerca su AbeBooks

Foto dell'editore

1.

Ballerini, Arnaldo; Di Petta, Gilberto
Editore: Giovanni Fioriti Editore (2015)
ISBN 10: 8898991215 ISBN 13: 9788898991211
Nuovo Brossura Quantitą: 8
Da
Webster.it
(Limena, PD, Italia)
Valutazione libreria

Descrizione libro Giovanni Fioriti Editore, 2015. Condizione: NEW. Codice articolo 9788898991211

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 25,74
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 14,99
Da: Italia a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi
Immagini fornite dal venditore

2.

Di Petta Gilberto; Ballerini Arnaldo
Editore: Giovanni Fioriti Editore (2015)
ISBN 10: 8898991215 ISBN 13: 9788898991211
Nuovo Brossura Quantitą: 1
Da
Libro Co. Italia Srl
(San Casciano Val di Pesa, FI, Italia)
Valutazione libreria

Descrizione libro Giovanni Fioriti Editore, 2015. Condizione: new. Roma, 2015; br., pp. 240. (Psicopatologia). "Questo testo č nato da una profonda convinzione sulla quale ci siamo incontrati entrambi, pur essendo psichiatri clinici appartenenti a due distinte generazioni di psicopatologi: che la schizofrenia fosse un pianeta diverso e lontano da tutto il resto della galassia psicotica. Per questo non saremo mai sufficientemente grati a Eugen Bleuer il quale, ormai oltre un secolo fa, isolņ dal mainstream della kraepeliniana dementia praecox proprio il fenomeno schizofrenia, anche se lo fondņ su basi diverse da quelle esposte in questo testo. Questo tentativo di isolare e specificare le fondamenta di un determinato disturbo, come quello schizofrenico, distinguendolo nettamente da tutti gli altri, potrebbe sembrare alquanto velleitario, in assenza di precisi marker biologici e di convalidati e condivisi cluster psicopatologici. Tutto questo appare, invece, meno velleitario, se si segue un'altra logica, che qui cerchiamo di proporre: quella dell'esistenza di precisi marker trascendentali capaci di confermare la presenza e la qualitą di un disturbo come quello schizofrenico. Ovvero una sorta di "organizzatori filosofici di primo rango", in grado di dare ragione dell'etiopatogenesi di una sindrome che apparirą, poi, sul piano fenomenico-ontico, quanto mai variabile, ma cionondimeno riconoscibile da - e riconducibile a - un comune denominatore fenomenologico-ontologico.". Codice articolo 3094907

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore

Compra nuovo
EUR 24,70
Convertire valuta

Aggiungere al carrello

Spese di spedizione: EUR 21,00
Da: Italia a: U.S.A.
Destinazione, tempi e costi