Risultati (1 - 30) di 107

Mostra risultati per

Tipo di articolo


Filtra per

Condizioni

Legatura

Ulteriori caratteristiche

Paese del venditore

  • Tutti i Paesi

Valutazione venditore

Original Etchings By American Artists

Editore: Cassell and Company, limited, New York, London and Paris, [1883] (1883)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 3.500,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Cassell and Company, limited, New York, London and Paris, [1883], 1883. Rilegato. Condizione: ottimo. Large folio volume. Solid contemporary binding, title in gilt characters on spine. Gilt page edges. Decorated flyleaves. Handwritten dedication between the initial pages ‘With compliments of Mrs. J.A. Turner’. It contains 20 extraordinary original etchings, conceived and engraved by various American artists specifically for this book (indeed, many bear the date 1883 in the margin). Each etching is accompanied by a short informative text written by Sylvester Rosa Koehler (1837 – 1900) who, apart from promoting this publishing project, was the curator of prints at the Boston Museum of Fine Arts and editor of the American Art Review. First edition. This is a very rare example because of its excellent condition and entirety: only the individual etchings are found at auctions. The American landscapes that predominate in the album do not yet show the influence of Impressionism but are marked rather by the open air painting of the Barbizon school. The engravings in the collection featuring the cities of London (Canal boats on the Thames by Chas. A. Platt), Florence (The Ponte Vecchio by Joseph Pennell) and Venice (A Cloudy Day in Venice by Samuel Colman) are particularly famous. The Art Union, vol. 1, n. 2, 1884: ‘The series of twenty Original Etchings By American Artists recently published by Cassell & Co., adds much to its interest, and shows some of the best work of the kind that has been accomplished in this or any other country’. Codice articolo ABE-1487673841091

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 1.

Dell’antico corso de’ fiumi in Padova e

Descrizione: Rilegato. Condizione: ottimo. Giuseppe Gennari (1721 – 1800) Dell’antico corso de’ fiumi in Padova e ne’ suoi contorni, e de’ cambiamenti seguiti con altre curiose notizie, e un saggio della legislazione de’ padovani sopra questa materia. In Padova, MDCCLXXVI. (1776) Nella stamperia de’ fratelli Conzatti. Volume in -4°, pp. XV, [1 bianca], 154, [2 bianche], tavola ripiegata incisa da Giovanni Battista Andreosi. Vignetta silografica al frontespizio, testatine, finalini e capilettera silografici con vedute della città di Padova. Testo in lingua italiana, dedicato al nobiluomo Jacopo Pappafava Antonini, con l’Appendix monumentorum scritta in latino. Volume completo e in ottimo stato di conservazione. Si tratta di un’opera rara scritta dall’abate Gennari, erudito padovano interessato alla poesia, critica letteraria, storia, erudizione, antiquaria, scoperte archeologiche, ma anche degli studi scientifici di Benjamin Franklin. Fondatore dell’Accademia degli Orditi, collaborò alla redazione delle Nuove memorie per servire alla storia letteraria e redasse un diario giornaliero padovano, le Notizie giornaliere di quanto avvenne specialmente in Padova dall’anno 1739 all’anno 1800, un prezioso documento per ricostruire la storia della città patavina. Fu autore di numerosi saggi di storia civile, ecclesiastica, geografica e culturale della città di Padova e della zona limitrofa, come Dell’antico corso de’ fiumi. Il testo si propone di descrivere la storia della rete di navigazione fluviale padovana, soffermandosi specialmente sui canali del Brenta e del Bacchiglione. Legato con Giuseppe Bertossi (n. 1697) Delle terme padovane volgarmente dette Bagni d’Abano. Trattato di Giuseppe Bertossi filosofo e medico. In Venezia, MDCCLIX. (1759) Appresso Sebastiano Coleti Volume in -4°, pp. [20], 104. Splendide testatine, finalini e capilettera silografici. Tra la prefazione e il testo vero e proprio si trova, ripiegata, una carta ottimamente conservata che rappresenta la Topografia delle terme padovane, incisa da Francesco Griselini nell’anno 1759 molto nota nella cartografia euganea del tempo, assente nei tre esemplari presenti in OPAC. Volume completo e in ottimo stato di conservazione. Raro. L’opera, scritta dall’udinese Bertossi, medico e docente a Padova, autore di diverse opere mediche, descrive l’origine storica delle Terme, le proprietà terapeutiche delle acque e dei fanghi di questo celebre sito. Quest’esemplare, composto dai due testi, si presenta con una legatura in mezza pelle con bellissima carta marmorizzata ai piatti. Dorso a sei nervi, scanditi da coppie di filetti dorati. Titolo a caratteri dorati Corso de’ fiumi in Padova su tassello di marocchino al dorso. Tra la controguardia e il frontespizio della prima opera si trova, ottimamente conservata, la Pianta della città di Padova del Signor Rizzi Zanoni, ripiegata, con l’elenco di 50 toponimi nella parte inferiore. Si tratta della pregevole carta topografica disegnata da Giovanni Antonio Rizzi e incisa da Giovanni Valerio Pasquali che si rintraccia nel libro Pitture sculture architetture ed altre cose notabili di Padova nuovamente descritte da Pietro Brandolese con alcune brevi notizie intorno gli artefici mentovati nell’opera. Codice articolo ABE-1474020990162

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 2.

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 300,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Venetia, per gli heredi di Bortolamio Rubin, 1587. Rilegato. Condizione: molto buono. Volume in -12°. Fabritia: cc. 65 ; Il ruffiano: cc. 48. Legatura coeva in cartonato rustico, con bindelle visibili. Sul dorso titolo manoscritto. Tagli blu. Ciascuna commedia con proprio frontespizio figurato che rappresenta un imperatore romano con mazza ferrata e scudo. Capilettera silografici. I due esemplari sono completi e in buono stato di conservazione. Interessanti commedie scritte dal poligrafo veneziano Lodovico Dolce, che lavorò per l’editore Giolito traducendo e commentando molti autori classici e contemporanei. Proprio quest’editore pubblicò nel 1560 l’edizione completa delle sue cinque commedie, tra cui certamente spicca Il ruffiano per la scelta della lingua volgare, più comprensibile a un pubblico eterogeneo rispetto al veneziano e al fiorentino. Codice articolo ABE-18135633961

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 3.

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 6.500,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Milano, nella stamperia di Giuseppe Marelli (poi Giuseppe Galeazzi) 1775 – 1777, 1777. Rilegato. Condizione: ottimo. 12 tomi, ciascuno dei quali contiene tre volumi (ogni volume era pubblicato sciolto mensilmente); in -8° con fascicolazione in -12°. Ogni tomo è composto da 360 pagine (120 per ogni singolo volume interno tranne il volume VIII di 132 pp., il volume XVI di 131, [1] pp., il volume XXVIII di 120, [2] pp. e il volume XXXVI di 120, [12] pp.). Solida legatura coeva in piena pergamena, con bindelle visibili. Titolo e tomaison a caratteri dorati su tassello al dorso. Tagli a spruzzo tricolore (i tre singoli volumi all’interno dei tomi presentano il taglio spruzzato in sequenza regolare verde, rosso e blu). Sulla sguardia di tutti i tomi (tranne nei volumi I e XXII in cui è stata asportata) è presente un’etichetta di possesso «Est S. Petri de Perusio ad usum D. Benedicti de Massa»: i libri erano appartenuti, in origine, al monastero di San Pietro di Perugia, poi passarono al monastero benedettino di Massa Carrara. Fregio silografico su ogni frontespizio. Testatine e finalini silografici. Straordinario apparato iconografico costituito da 38 tavole incise ripiegate (distribuite in 35 fogli) in ottimo stato di conservazione. Eccellente esemplare, completo e genuino. Raro. Prestigiosa summa del mondo scientifico di fine Settecento, composta dall’intera raccolta di saggi e memorie dei più importanti scienziati dell’epoca, in alcuni casi tradotti per la prima volta in italiano o in prima edizione, come alcuni articoli di Volta sull’elettricità. Tra gli autori spiccano i nomi di Volta, Lavoisier, Landriani, De Saussure, Spallanzani, Ferguson, Franklin, Beccaria e Priestley. Gli articoli riguardano: Acqua, aria e meteore ; Agricoltura e bottanica ; Anatomia, fisiologia, chirurgia e medicina ; Cosmologia e geografia ; Economia domestica ; Elettricità ; Fuoco ; Meccanica ed Arti ; Metafisica e lingue ; Morale ; Ottica ; Zoologia o storia naturale degli animali. Questa seria, la prima delle tre, fu compilata dal poligrafo svizzero Giovanni Francesco Soave (1743 – 1806) e dallo scienziato Carlo Amoretti (1741 – 1816), nominato segretario della Società agraria milanese per il suo impegno profuso nel promuovere l’attività economica della Lombardia. Codice articolo ABE-17532638425

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 4.

Descrizione: Rilegato. Condizione: ottimo. Straordinaria raccolta in 27 volumi con legatura omogenea degli opuscoli scientifici pubblicati in tre serie con diverso titolo dal 1775 al 1807: Scelta di opuscoli interessanti. Nuova edizione ; Opuscoli scelti sulle scienze e sulle arti, tratti dagli Atti delle Accademie, e dalle altre Collezioni Filosofiche, e Letterarie, dalle Opere più recenti Inglesi, Tedesche, Francesi, Latine, e Italiane, e da Manoscritti originali, e inediti e Nuova scelta d’opuscoli interessanti sulle scienze e sulle arti, tratti dagli Atti delle Accademie, e dalle altre Collezioni Filosofiche, e Letterarie, dalle Opere più recenti Inglesi, Tedesche, Francesi, Latine, e Italiane, e da Manoscritti originali, e inediti. Tutti i volumi con solida legatura coeva in mezza pelle con punte e piatti marmorizzati; in ciascun tomo singola sguardia marmorizzata. Titolo, autore e tomaison a caratteri dorati su tasselli in pelle al dorso. Tagli a spruzzo rossi. Fregi xilografici ai frontespizi. Testatine, finalini e capilettera silografici. Segnalibri in seta verde. Esemplare unico: consiste nella raccolta di tutti i fascicoli, in straordinario stato di conservazione, pubblicati nelle singole annate. Si tratta di un’assoluta ed eccezionale rarità per la qualità intrinseca di tutti i volumi e per la completezza dei fascicoli e delle tavole incise che li corredano. Prestigiosa summa del mondo scientifico di fine Settecento, composta dall’intera raccolta di saggi e memorie dei più importanti scienziati dell’epoca, in alcuni casi tradotti per la prima volta in italiano. Tra gli autori spiccano i nomi di Volta, Lavoisier, Landriani, De Saussure, Spallanzani, Ferguson, Franklin, Beccaria e Priestley. Gli articoli riguardano: Agricoltura ed arti ; Fisica, storia naturale e chimica ; Medicina ; Morale ; Metafisica ; Belle lettere. Dalla seconda serie vengono aggiunti l’indice dei nomi degli autori e un’interessante appendice con l’elenco dei libri nuovi di argomento scientifico pubblicati in Italia, Germania, Francia, Inghilterra, Spagna, Olanda e Russia e delle dissertazioni scientifiche più stimolanti discusse nelle accademie italiane e estere. La prima serie fu compilata dal poligrafo svizzero Giovanni Francesco Soave (1743 – 1806) e dallo scienziato Carlo Amoretti (1741 – 1816), nominato segretario della Società agraria milanese per il suo impegno profuso nel promuovere l’attività economica della Lombardia. Scelta di Opuscoli interessanti. Nuova edizione In Milano. Nella stamperia di Giuseppe Galeazzi, 1781-1784 3 volumi in-4o (230 x 185 mm). T. I: pp. [8], 423, [1] ; t. II: pp. 447, [1] ; t. III: pp. [2], [550]. Il primo tomo contiene i 12 fascicoli pubblicati nel 1775; il secondo tomo quelli nel 1776 ed il terzo tomo quelli nel 1777. Straordinario apparato iconografico di 37 (su 38) tavole calcografiche fuori testo, alcune più volte ripiegate. Opuscoli Scelti sulle Scienze e sulle Arti, tratti dagli Atti delle Accademie, e dalle altre Collezioni Filosofiche, e Letterarie, dalle Opere più recenti Inglesi, Tedesche, Francesi, Latine, e Italiane, e da Manoscritti originali, e inediti. In Milano, presso Giuseppe Marelli, 1778-1803 22 volumi in-4o (230 x 184mm). T. I: pp. 432, 48 ; t. II: pp. 432, 48 ; t. III: pp. 432, 48 ; t. IV: pp. 432, 48 ; t. V: pp. 424, 48 ; t. VI: pp. 432, 48 ; t. VII: pp. 434, 48 ; t. VIII: pp. 432, 48 ; t. IX: pp. 434, 48 ; t. X: pp. 436, 48 ; t. XI: pp. 432, 48 ; t. XII: pp. 432, 48 ; t. XIII: pp. 432, 48 ; t. XIV: pp. 432, 48 ; t. XV: pp. 432, [2], 48 ; t. XVI: 432, 48 ; t. XVII: pp. 448, 40 ; t. XVIII: pp. 432, 48 ; t. XIX: pp. 432, 48 ; t. XX: pp. 430, 48 ; t. XXI: pp. 432, 48 ; t. XXII: pp. 432, 48. Apparato iconografico di 191 tavole calcografiche fuori testo, distribuite nei vari volumi. Nuova scelta d’Opuscoli interessanti sulle Scienze e sulle Arti, tratti dagli Atti delle Accademie, e dalle altre Collezioni Filosofiche, e Letterarie, dalle Opere più recenti Inglesi, Tedesche, Francesi, Latine, e Italiane, e da Manoscritti. Codice articolo ABE-17532633869

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 5.

Al serenissimo Silvestro Valiero. Gli accademici Ricovrati

Editore: In Bologna (1695)

Antico o usato
Prima edizione
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 800,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Bologna, 1695. Rilegato. Condizione: ottimo. prima edizione. Volume in -4°, pp. 115, [i.e. 117 e 1 bianca]. Legatura coeva in cartonato rustico, con bindelle visibili. Titolo manoscritto al dorso. Bellissima antiporta calcografica con arbusti e motivi floreali, stemma e nome dell’Accademia dei Ricovrati e stemmi araldici delle famiglie Valier e Querini. Iniziali silografiche. Esemplare completo, con qualche errore di numerazione delle pagine. In perfetto stato di conservazione e ottimamente inchiostrato. Testi di: Alvise Antonio Camposanpiero (principe dell’Accademia), Tommaso Cattaneo, Girolamo Gigli, Leale Leali, Enrico Altani, Zuanne Godi, Francesco Mazzeri, Nicolò Madrisio, Raimondo Lupati Machiavelli, Loreto Mattei, Francesco Camposanpiero, Alessandro Vigodarzere, Pilon Piloni, Francesco Alfonso Donnoli, Marco Navarra, Domenico Mattei, Filippo dal Torre, Alvise Mussato, Giacomo Bonzanin, Gaspare Scoino, Marco Antonio Franchini. Si tratta di una raccolta colta ed erudita di vari componimenti in prosa e in versi scritti in italiano, in latino e in francese dai membri dell’Accademia dei Ricovrati nel 1694, in occasione dell’incoronazione della dogaressa Elisabetta Querini Valiera, moglie del doge Silvestro Valiero. Si trattò di un evento eccezionale: nel 1645 una legge del Senato veneziano aveva abolito l’incoronazione delle dogaresse per l’eccessivo sfarzo della cerimonia e, appunto, solo in questo caso venne permessa. L’Accademia, fondata da Federico Cornaro nel 1599, è tuttora attiva con il nome di Accademia Galileiana di Scienze, Lettere e Arti, in onore di Galileo Galilei che ne fu il membro più noto. Quest’istituzione accademica fino al 1668, anno in cui il Capitanio di Padova ottenne dal Senato Veneto la protezione sovrana e un contributo annuale, fu abbastanza “silenziosa” perciò questa raccolta è un documento raro e prezioso sulla sua attività. Codice articolo ABE-17453501953

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 6.

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 1.200,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Rilegato. Condizione: ottimo. Manoscritto miscellaneo di 799 pagine numerate (di cui bianche da p. 743 a 776, con l’Indice delle materie da p. 777 a 787 e bianche da 788 a 799), contenente numerosi atti emanati dal Consiglio Generale di Padova tra il Quattrocento e il Settecento (quest’ultimo è preponderante nel coacervo dei documenti). Legatura in piena pergamena, con bindelle visibili. Sul dorso tassello di marocchino rosso con fregi e titolo a caratteri dorati «Incombenze de’ nobili cittadini». Tagli a spruzzi rossi, segnalibro in sete verde. Testo per la maggior parte in volgare con diverse carte anche in latino. La trascrizione delle sedute, presiedute dal Podestà, registrano perlopiù le nomine e i ballottaggi per gli incarichi da affidare ai membri del consiglio medesimo; ma tra queste carte «c’è disordine perché le relazioni delle sedute non sono disposte in ordine esatto cronologico e spesso riguardano in modo schematico quanto avveniva nel consiglio» (Renato Lazzarini, Le origini del partito democratico a Padova fino alla municipalità del 1797, in «Nuovo Archivio Veneto», t. XL, n. 119-120, luglio-dicembre 1920, p. 9). Nei fogli, si rintraccia spesso il riferimento al consiglio dei XVI che era la parte più attiva del consiglio generale, di cui i deputati attuali erano i capi, rappresentavano la città e occupavano il primo posto dopo quello del Podestà. «Il corpo dei XVI era nominato dal maggior consiglio ogni anno. Però i XVI uscenti non uscivano di fatto a restavano insieme coi nuovi [ ]. Tra costoro se ne sceglievano quattro detti deputati attuali, ciascuno dei quali rimaneva in carica 4 mesi, però se ne rinominavano due ogni due mesi in maniera che vi fosse sempre continuità» (ivi, p. 10). Mentre tutto quello che concerneva la politica in senso stretto era trasferito direttamente alla Dominante, in questa miscellanea si trovano le notizie riguardanti l’elezione e le incombenze derivate per vari incarichi: dall’ Elezione ed incombenze de’ signori del palazzo ed alle strade, alle Incombenze delli nobili cittadini provveditori alla milizia, dalle Incombenze del cittadino eletto alla camera de’ pegni alle Incombenze delli nobili cittadini provveditori alla cancelleria. Non solo la città di Padova ma anche le zone e i paesi limitrofi popolano questi documenti, come dimostrano le Incombenze e diritti dei vicari eletti dal Mag. Consiglio per Conselve, Miran, Teolo, Oriago. Solamente la Compilazione delle incombenze e diritti della carica de’ magnifici signori deputati attuali della città di Padova ordinata l’anno 1758. Sotto la banca de’magnifici sig. deputati attuali Gio. Paolo Francesconi [ ] con atto 13. novembre 1777, composto da 20 fogli fu pubblicato a stampa nel 1777 dai fratelli Conzatti (comprendente anche le Incombenze, e diritti de’ vicari eletti dal magnifico consiglio per Conselve, Miran, Teolo, Arquà). Spesso nel faldone manoscritto si rinvengono dei rimandi, trascritti, a documenti redatti in precedenza, per esempio si fa riferimento ai tomi Ducali, agli Atti della cancelleria della magnifica città e agli Atti del consiglio, citandoli in maniera precisa, con l’indicazione del foglio. Codice articolo ABE-14080934544

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 7.

Annibale Nuvoli

Editore: Bologna, 1850, tip. Governativa - alla Volpe (1850)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 400,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Bologna, 1850, tip. Governativa - alla Volpe, 1850. Rilegato. Condizione: ottimo. Volume rilegato con semplice carta rosa, pp. 56. Testatine e finalino silografici. Testo completo, con grande carta geografica ripiegata rappresentante il Residuo della provincia di Ferrara in eccellente stato di conservazione. Prima edizione (le successive furono fatte a distanza ravvicinata) della sostanziosa e accurata replica di Annibale Nuvoli al Progetto per migliorare lo scolo dei fiumi e dei torrenti bassi delle provincie di Bologna e Ferrara per la costruzione di un canale di navigazione da Magnavacca a Ferrara e Bologna, con preliminari studi dell’ing. Angelo dott. Emiliani (Bologna, 1848) scritto da Emilio Loup, che presiedeva la Società Mineralogica bolognese fondata nel 1848 con lo scopo di ricercare miniere nei terreni bolognesi. Codice articolo ABE-13999597084

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 8.

Editore: S. Paolo nel Brasile, MDCCLVI (1756). Si vende in Venezia da Francesco Pitteri. (1756)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 450,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: S. Paolo nel Brasile, MDCCLVI (1756). Si vende in Venezia da Francesco Pitteri., 1756. Rilegato. Condizione: buono. Volume in -12°, pp. 89, [7 bianche]. Legatura coeva con carta veneziana colorata, con qualche traccia di usura sui piatti. L’occhiello, che presenta alcuni scarabocchi, reca il titolo Storia di Niccolo I. Frontespizio con fregio silografico. Testatina e capolettera ornati. Esemplare completo e perfettamente inchiostrato, con bruniture. Traduzione dal francese dell’opera Histoire de Nicolas I, roy du Paraguay, et empereur des Mamelus. Si tratta della prima traduzione comparsa sia a Venezia sia a Pisa per Giovanni Paolo Giovannelli e a Firenze per Ottavio Felice Buonajuti (ma con falsa datazione topica di Lugano). Il testo consiste nella biografia del gesuita Nicola Rubiuni, proclamato re del Paraguay. La biografia fu stampata nel 1756 e fu immediatamente tradotta in italiano, olandese e tedesco. L’attribuzione dell’opera è incerta: alcuni propendono per lo stesso Nicolas Rubiuni (cfr. COPAC), altri hanno individuato l’autore in Jaime Manalic e Jose de Cordoba (cfr. National Library of Australia). L’eco di questa incoronazione, tra verità storica e leggenda, risuonò presto per tutta Europa e anche Voltaire nel Candide ne fa menzione nel capitolo in cui il protagonista, insieme a Cacambo, è accolto proprio dai gesuiti del Paraguay. A dictionary of books relating to America, from its discovery to the present time, a cura di Joseph Sabin, p. 503. Codice articolo ABE-13953863969

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 9.

Pietro Maria Bignami ; Gaetano Lorenzo Monti ; Giovanni Angelo Brunelli

Editore: In Bologna, nella stamperia di Lelio dalla Volpe (1773)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 700,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Bologna, nella stamperia di Lelio dalla Volpe, 1773. Rilegato. Condizione: molto buono. Esemplare in -4°, pp. 24. Semplice legatura in cartonato coevo. Il frontespizio ospita un fregio silografico e la dedica, stampata, ai componenti dell’Assonteria dell’Abbondanza, una struttura annonaria del governo bolognese settecentesco. Iniziale silografica e finalino ornato. L’autore che promosse la pubblicazione di questo trattato sulla coltura della patata nello specifico a Bologna è Pietro Maria Bignami, agronomo e proprietario terriero. Esemplare ottimamente inchiostrato e marginoso. Molto raro. Codice articolo ABE-13773100700

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 10.

Descrizione: Venezia, 1781. Rilegato. Condizione: ottimo. Un volume in-4°, pp. VI, [3], IX-XI, 200. Legatura coeva in piena pergamena; titolo in oro su tassello al dorso; tagli rossi. Ritratto del Gratarol in ovale in antiporta. Legatura allentata nel primo fascicolo, altrimenti ottimo esemplare della non comune seconda edizione dello scritto polemico del Gratarol. Pierantonio Gratarol, segretario del Senato della Serenissima, ebbe una relazione con l’attrice Teodora Ricci, già amante di Carlo Gozzi, che nella commedia Le droghe dell’amore si vendicò del rivale, cui alludeva in maniera trasparente uno dei ridicoli personaggi della commedia, Don Adone. Gratarol si era inoltre inimicato il potente senatore Andrea Tron e la moglie Caterina Dolfin, contro cui non perdeva occasione di lanciare i suoi strali. Caduto in disgrazia e schernito ovunque a Venezia, fuggì a Stoccolma dove stampò la Narrazione apologetica (1779) descrivendo gli intrighi del governo veneziano. La diffusione dell’opera fu proibita all’interno del dominio veneto, ma la Narrazione continuò a circolare clandestinamente persino in forma manoscritta oltre che in questa seconda edizione, priva d’indicazione del luogo di stampa, anche se l’autore a p. 176 la dice stampata in Italia (il Gratarol nel frattempo si era trasferito a Londra). In fondo al volume è pubblicato l’avviso ai creditori a rivolgersi entro un mese dal 1 giugno 1781 ad un negoziante di Genova, Pier Francesco Tini, per avere il rimborso. William Morton Pitt, suo protettore a Londra, gli aveva infatti prestato 8000 zecchini e con l’avviso e la soddisfazione dei creditori, Gratarol intendeva ristabilire la propria reputazione (cfr. D.B.I. s.v. Gratarol, Pierantonio). Cicogna 3211; Iccu, scheda PUVE 003801. Codice articolo ABE-12151320446

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 11.

Francesco Albergati Capacelli e Francesco Zacchiroli

Editore: In Venezia. Appresso Giambattista Pasquali (1786)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 230,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Venezia. Appresso Giambattista Pasquali, 1786. Rilegato. Condizione: molto buono. Volume in -8°, pp. [2], 3-365, [3 bianche]. Legatura in cartonato rustico coevo, con bindelle visibili. Titolo manoscritto sul dorso. Il frontespizio è impreziosito da una vignetta calcografica sopra la quale si legge il verso virgiliano: «Ne turbata volent rapidis ludibria ventis». Un finalino silografico. Consuete bruniture, piccolo foro a p. 117, un camminamento di tarlo a p. 337 che però non intacca il testo; per il resto esemplare molto marginoso e ben inchiostrato. Edizione molto rara (solo due esemplari censiti in OPAC). Interessante ed eclettico epistolario che raccoglie la corrispondenza intercorsa dall’ottobre 1779 al febbraio 1780 tra lo scrittore e commediografo Albergati Capacelli e Zacchiroli, ex gesuita e poeta. Le Lettere capricciose si costituiscono come «un genere di epistolografia divertente su argomenti seri, troppo superiore alle possibilità stilistiche e culturali dei due corrispondenti» (Alberto Asor Rosa, in Dizionario Biografico degli Italiani). Le Lettere capricciose sono contenute anche nelle Opere di Francesco Albergati Capacelli (vol. IX). La lettura di questo epistolario offre un affresco particolare ed inedito sulle vicende storiche, culturali e letterarie del Settecento, non solo veneziano ma anche “italiano”. Codice articolo LA446

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 12.

Agostino Alberti - Athēnagoras

Editore: In Torino, MDCCXVIII. (1718) Per Pietro Gioseppe Zappata, Stampatore Arcivescovale, e della Reale Accademia degl’Incolti. In Verona, nella stamperia della Fenice di Angelo Targa. (1718)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 230,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Torino, MDCCXVIII. (1718) Per Pietro Gioseppe Zappata, Stampatore Arcivescovale, e della Reale Accademia degl’Incolti. In Verona, nella stamperia della Fenice di Angelo Targa., 1718. Rilegato. Condizione: ottimo. Un volume in -4°; legatura coeva in piena pergamena rigida. Dorso a sei nervi, con titolo in oro della sola opera di Alberti applicato su tassello di marocchino. Raffinate sguardie marmorizzate; sulla controguardia tassello in carta con nota stampata riferita al pittore GiannAndrea Rusteghello «Al Nob. Sig.r Il S.r G: And.a Co: Rusteghello». Nel recto della carta bianca che precede il frontespizio della prima opera è presente una nota antica di possesso manoscritta «di [non leg.] Soranzo», mentre nel verso si riscontra, in matita, l’annotazione «il volume contiene anche Atenagora Della Resurrezione de’ morti». Le due opere sono piuttosto rare: solo otto gli esemplari censiti dall’Iccu per la Risurrezione de’ morti (scheda MODE\020225), mentre si contano tredici esemplari per l’Idea generale delle cattedrali (scheda TO0E\029629). Il primo testo consta di pp. [12], 283, [1], XXVI, [2]. Nel frontespizio marca editoriale raffigurante una corona (ripresa anche a p. 239 come finalino). Iniziali e finalini silografici diversificati tra loro. L’esemplare contiene l’Additione riguardanti le cattedrali dell’Asia, dell’Africa, e dell’America, un indice delle cattedrali menzionate e due pagine con l’errata corrige. Esemplare genuino e marginoso della prima e unica edizione di questo testo che si propone di elencare e di descrivere tutti i vescovadi presenti in Italia, in Francia, in Spagna, in Portogallo, in Inghilterra, in Scozia, in Irlanda, in Svezia, in Polonia, in Germania, in Belgio, in Olanda, nella provincia illirica e in Levante. Il secondo testo consta di pp. [12], 113, [3]. Nel frontespizio piccola incisione. Capilettera, testatine e finalini silografici. Sotto il registro finale è presenta la marca tipografica raffigurante una fenice rivolta al sole, su fiamme che si sprigionano da globo alato recante le iniziali «D GAT», con motto «Semper eadem». Esemplare molto bello e marginoso dell’opera di Atenagora, filosofo e apologista cristiano del II secolo, con la traduzione del Falletti (1518-1564), giureconsulto padovano e ambasciatore dei duchi di Ferrara presso Carlo V. Quest’edizione è la prima dopo quella pubblicata da Paolo Manuzio nel 1556. Codice articolo LA445

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 13.

Ugo Foscolo

Editore: Italia (1802)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 500,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Italia, 1802. Rilegato. Condizione: ottimo. Volume in -8 , (165 x 115 mm); pp. [10], 244, [2, di cui la penultima riporta «Errori» e «Correzioni» per un totale di 5 voci]. Legatura rigida coeva con carta marmorizzata e tela al dorso per rinforzo. Note manoscritte antiche sulla controguardia e moderne sul foglio di guardia. La prima pagina reca l'occhietto «Ultime lettere di Jacopo Ortis tratte dagli autografi» mentre la terza reca la Nota dell’editore («L’Editore, depositario degli autografi ecc.») di 15 righe contenente la “smentita” in merito ad ogni edizione precedente a questa (datata Milano ottobre 1802), la cui autenticità è attestata dal rame del frontespizio. Segue, nell’antiporta, il ritratto del Foscolo inciso in ovale. La quinta pagina reca il frontespizio con l’epigrafe «Naturae clamat ab ipso Vox tumulo» e la settima l’avvertimento «Al lettore» firmato da Lorenzo A ***. Bell’esemplare di una rara edizione delle Ultime lettere di Jacopo Ortis, con qualche brunitura e qualche camminamento di tarlo che però non intacca nessuna parte del testo. La vicenda editoriale del testo inizia nel 1798 quando l’editore bolognese Jacopo Marsigli comincia la pubblicazione del romanzo epistolare del Foscolo, il quale però lascia la città a causa dell’arrivo degli austro-russi. L’opera, interrotta alla lettera XLV (l’addio di Jacopo a Teresa), su commissione dell’editore è completata dal letterato bolognese Angelo Sassoli ed esce con il titolo Vera storia di due amanti infelici ossia Ultime lettere di Jacopo Ortis. Foscolo sconfessa tutta l’operazione del Marsigli e a Milano nel 1799 presso l’editore Mainardi appresta una nuova edizione del romanzo, che si ferma sempre alla lettera XLV; ma per uno screzio con l’editore quasi tutte le copie vanno al macero. La prima edizione completa delle Ultime lettere di Jacopo Ortis compare nel 1802 stampata dai torchi del Genio Tipografico, sotto la direzione editoriale di Foscolo stesso. In questo stesso anno escono innumerevoli ristampe dell’opera, tra le quali quest’esemplare che corrisponde all’edizione “mantovana” (dicitura adoperata dallo stesso Foscolo nella Notizia bibliografica). Secondo la ricostruzione proposta da Gambarin nel volume dell’Edizione Nazionale (Ultime lettere di Jacopo Ortis, edizione critica a cura di Giovanni Gambarin, Firenze, Le Monnier, 1970, pp. XLIII-XLIV, n. II) si tratta di una buona edizione (il numero di pagine è appena inferiore all’originale composto da 246 pagine), probabilmente impressa a Milano e facilmente distinguibile dall’originale per l’assenza della firma sotto il ritratto del Foscolo. Ottolini, 79; Acchiappati, 28; Mazzolà Foscoliana di Treviso, 13. Codice articolo ABE-11445900816

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 14.

Gaudenti Antonio

Editore: Loreto, MDCCLXXXIV (1784), dalle Stampe di Federico Sartorj (1784)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 300,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Loreto, MDCCLXXXIV (1784), dalle Stampe di Federico Sartorj, 1784. Rilegato. Condizione: molto buono. Un volume in-4°, pp. [4], 246, [2], una tavola con la pianta del santuario, 4 tavole ripiegate. Legatura usurata in carta decorata con lacune al dorso; titolo su tassello in carta incollato al dorso. Bruniture. Esemplare mancante dell’antiporta. Opera rarissima, soprattutto nella prima edizione, come quest’esemplare. Volume non facilmente riscontrabile nelle bibliografie specializzate o in cataloghi di vendita. Iccu, scheda MILE\008820. Codice articolo ABE-11188592236

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 15.

De vestitu sacerdotum Hebraeorum: Johanne Braunio (Jean

Johanne Braunio (Jean / Johannes Braun)

Editore: Amstelodamj, [veneunt apud Janssonio-Waesbergios, Danielem Elsevirium, Viduam J. à Someren, et Henr. & Theod. Boom] (1680)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 2.000,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Amstelodamj, [veneunt apud Janssonio-Waesbergios, Danielem Elsevirium, Viduam J. à Someren, et Henr. & Theod. Boom], 1680. Rilegato. Condizione: ottimo. Volume in -4° piccolo (20 x 15 cm), composto dai due tomi dell’opera (Id est vestitus sacerdotum Hebræorum, sive commentarius amplissimus in Exodi cap. XXVIII, ac XXIX. Et Levit. cap. XVI. aliaque loca S. Scripturae quamplurima. Liber primus . Auctore Johanne Braunio, palatino. Cum indicibus locupletissimis & tabulis aeneis elegantissimis, tomo I: pp. [56], 1-430, [35], [III]; t. II: pp. [4], 431-940, [48], [II]). Splendida legatura in piena pergamena; su entrambi i piatti una serie di doppi filetti e di quattro piccoli fregi sugli angoli incorniciano un elegante motivo arabesco centrale. Sul dorso, a cinque nervi, sono presenti il titolo manoscritto dell’opera e alcune segnature di biblioteche, una delle quali scritta sopra a un’altra indicazione manoscritta del titolo stilata, però, a rovescio. Tagli a spruzzi rossi; nel taglio di piede timbro della Ambrose Swasey Library, biblioteca statunitense specializzata in testi religiosi. Doppio frontespizio: il primo con incisione di Bastiaen Stoopendaal a piena pagina raffigurante indumenti e accessori tipici della tradizione ebraica minuziosamente e finemente resi e con doppie didascalie in ebraico e in latino; nel secondo frontespizio emblema della dea Pallade Atena e il motto «Ne extra oleas», che si ritrova in alcune opere di Francis Bacon. Testo in latino con frequenti inserzioni di termini ebraici. Capilettera ornati e testatina silografica (solo nel secondo tomo). 16 bellissime incisioni, di cui 4 ripiegate (alcune incisioni sono conteggiate come vere e proprie pagine) corredano il testo. Bellissimo esemplare, marginoso e con carta forte. Prima edizione di un libro molto e raro scritto dal professore di teologia dell’ Università di Groningen. Braun era seguace del teologo e ebraista tedesco Johannes Cocceius e la tradizione ebraica giocò un ruolo importante nell’elaborazione del suo pensiero teologico. De vestitu sacerdotum Hebraeorum mostra un’accurata conoscenza delle Scritture, dei riti e costumi ebraici e una grande familiarità con la pratica dei rabbini. Il primo tomo primo riguarda l’origine dell’abito sacro ebraico, dei suoi colori e dei materiali con cui veniva tessuto. Il secondo tomo spiega le tipologie e fogge dei vestiti ebraici. Colas 424; Rahir 1732; Willems 1575. Codice articolo LA441

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 16.

Movses, Xorenac‘i; Tommaseo, Niccolò

Editore: Venezia, Tipografia armena di San Lazzaro (1850)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 200,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Venezia, Tipografia armena di San Lazzaro, 1850. Rilegato. Condizione: ottimo. Un volume in-8° (19,5 cm), pp. XVIII, [2], 403, (17). Legatura coeva in mezza pelle e percaline con titolo e fregi in oro al dorso; tagli dorati. Nella sguardia si legge “Dono di S.E.Ill.ma Rev.ma Mons.r Hummus Arcives.o Armeno 11/11.55”. Esemplare in ottimo stato della seconda edizione della storia armena di Mosè Corenese curata dal Tommaseo. Codice articolo LA213

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 17.

Opizinga Tagliavia, Pietro

Editore: In Roma, Per il Bernabò. MDCLXX (1670)

Antico o usato
Brossura

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 500,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Roma, Per il Bernabò. MDCLXX, 1670. Brossura. Condizione: ottimo. Un volume in-4°, pp. [24], 43, [1]. Brossura ricoperta con carta decorata. Ottimo esemplare fresco e genuino con quattro tavole ripiegate con schemi e figure della disposizione in battaglia e due ritratti calcografici in ovale dell’Opezinghi e del Marescalchi. Rarissimo trattato militare del nobile palermitano Opizinga, quinto barone di Palazzo Adriano, che si era particolarmente distinto nella rivolta di Palermo del 1647. L’opera fu pubblicata in spagnolo con il titolo di Los exercitios militares nello stesso anno dal Barnabò e il Marescalchi ne fece subito una traduzione in italiano e in francese (Mira, Bibliografia siciliana, II, p. 143 s.v. Opizinga e Tagliavia Pietro). Iccu, scheda TO0E\003246; d’Ayala, 301. Codice articolo LA366

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 18.

François-René de Chateaubriand

Editore: Paris, Furne Jouvet et Cie, Éditeurs, 1880-81. (1880)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 800,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Paris, Furne Jouvet et Cie, Éditeurs, 1880-81., 1880. Rilegato. Condizione: ottimo. 12 volumi in-4°. Magnifiche legature coeve in demi-chagrin rosso e carta marmorizzata. Autore, tomaisons e titoli dei volumi in oro al secondo e terzo riquadro del dorso. Esemplare in ottime condizioni. Alcuni volumi sono privi di indicazioni di data, altri (come il VI) recano una data anteriore al primo volume (1876), come consueto per queste raccolte (si veda la scheda Iccu, UBO\3987563). Codice articolo LA439

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 19.

Pierantonio Gratarol

Editore: Venezia, MDCCXCVII. Anno primo della libertà (1797)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 450,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Venezia, MDCCXCVII. Anno primo della libertà, 1797. Rilegato. Condizione: ottimo. Terza edizione della Narrazione del Gratarol, segretario del Senato della Serenissima. Gratarol, ebbe una relazione con l’attrice Teodora Ricci, già amante di Carlo Gozzi, che nella commedia Le droghe dell’amore si vendicò del rivale, cui alludeva in maniera trasparente uno dei ridicoli personaggi della commedia, Don Adone. Gratarol si era inoltre inimicato il potente senatore Andrea Tron e la moglie Caterina Dolfin, contro cui non perdeva occasione di lanciare i suoi strali. Caduto in disgrazia, fuggì a Stoccolma dove stampò la Narrazione apologetica (1779) descrivendo gli intrighi del governo veneziano. Il volume fu proibito all’interno del dominio veneto, anche se clandestinamente continuò a circolare persino in forma manoscritta. Solo con la caduta della Repubblica fu possibile avere un’edizione veneziana (dopo le prime due stampate altrove) a cui venne aggiunto un terzo volume che appoggiava le istanze degli eredi del Gratarol (morto nel 1785) che reclamavano i beni confiscati e chiedevano la riabilitazione del segretario. Codice articolo LA438

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 20.

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 600,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Venetia, appresso Giorgio Varisco, 1605. Rilegato. Condizione: ottimo. Volume in -8°, cc. [8], 109, [4] 110-124. Mezza pergamena e carta colorata con titolo manoscritto al dorso. Ex libris della Biblioteca Rosales, Bernate. Doppio frontespizio figurato: al primo, tra due putti insegne e stemmi del Doge Marino Grimani, a cui è dedicato l'opera; al secondo, marca editoriale (sirena) presente anche al colophon e alla fine del primo libro. Testatine e capilettera ornati. Ottimo esemplare. Giovanni Botero, gesuita, giurista e poligrafo, fu precettore del giovane Federico Borromeo. Chiamato a Torino nel 1599, fu incaricato dell’educazione dei tre figli di Carlo Emanuele e diventò anche primo segretario e consigliere dei Savoia. Cicogna 1097: «Il Botero, uomo di maturo giudizio, accenna con più verità e accorgimento varie dissomiglianze assai belle tra la repubblica de' Romani e la Veneziana nel proemio a questa sua relazione, nella quale in luogo di analizzare l'interna costituzione, procura di far palesi le cagioni per le quali la repubblica Veneta montò in grandezza e perché durasse ancora tanto». Codice articolo LA436

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 21.

Xenophon; Lodovico Domenichi

Editore: In Vinegia, Appresso Gabriel Giolito de Ferrari, MDXLVIII (1547; 1548) (1547)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 600,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Vinegia, Appresso Gabriel Giolito de Ferrari, MDXLVIII (1547; 1548), 1547. Rilegato. Condizione: buono. Due volumi rilegati insieme con le prime edizioni della traduzione delle opere di Senophonte procurata dal Domenichi. Legatura settecentesca in piena pergamena con titolo in oro su tassello al dorso. Un lieve alone nelle prime e nelle ultime carte del primo volume, qualche brunitura nel secondo volume, in particolare nei primi due fascicoli. Una lacuna nell’ultima carta del primo volume con perdita di una lettera nel festone della marca giolitina e una nel frontespizio del secondo volume con perdita di una lettera nel motto della marca (la V di VIVO). Esemplari completi. Belle marche giolitine con la fenice in quattro differenti versioni (all’inizio e alla fine di ciascun volume). Edit 16, scheda CNCE 26147 e CNCE 26076. Codice articolo LA310

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 22.

Descrizione: Venezia, 1797. Presso Francesco Tosi., 1797. Rilegato. Condizione: molto buono. Due volumi in-8°; I: pp. VIII, 145 (i.e. 245), antiporta figurata; II. pp. 256, antiporta figurata. Legature ottocentesche in mezza pergamena e carta decorata. Ex libris stampati e annullati del Girton College di Cambridge in ambedue i volumi donati da Alicia Cameron Taylor nel 1941, come si legge nelle etichette poste sotto gli ex-libris. Buon esemplare completo con una trascurabile gora nel margine superiore. Edizione postuma dell’opera di Zanetti, che ha il pregio di dar conto della situazione veneziana prima delle spoliazioni napoleoniche e austriache (a p. 255 del volume II si trova un’aggiunta con le opera trasportate altrove militarmente). Zanetti fu un personaggio centrale nella storia della cultura veneziana del Settecento. Disegnatore (celebri le sue caricature), incisore e collezionista, Zanetti fu custode della Biblioteca Marciana dal 1736 al 1778; insieme all’omonimo cugino (Anton Maria Zanetti di Girolamo, detto il Vecchio) pubblicò negli anni Quaranta la raccolta Delle antiche statue greche e romane, che nell’antisala della Libreria di San Marco, e in altri luoghi pubblici di Venezia si trovano. Nel 1760 stampò le Varie Pitture a fresco, una straordinaria opera di documentazione sugli affreschi veneziani, tra cui quelli ormai perduti di Tiziano e Giorgione al Fondaco dei Tedeschi. Quest’opera sulla pittura veneziana si basa sulle Ricche miniere del Boschini (il Bushing erroneamente citato dal titolo). Cicogna 4661; Cicognara 4376: «Ottimo libretto ben epilogato dalle pure sorgenti donde deriva». Codice articolo LA437

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 23.

Descrizione: In Venezia, MDCCXLVII. (1747). Nella stamperia Albrizzi q. Gir., 1747. Rilegato. Condizione: buono. Un volume in-8°, pp. [44], 213, XII tavole, [30]. Cartonato con piatti in carta decorata. Testatina calcografica con lo stemma del dedicatario Giacomo Campelli bellunese a c. *3r; frontespizio in caratteri rossi e neri. Una piccola lacerazione nel margine superiore dell’antiporta, altrimenti buon esemplare in barbe stampato su carta forte. Versione italiana del compendio di Vitruvio pubblicato a Parigi da Claude Perrault (1613-1688) nel 1674; il testo ha in fondo un piccolo vocabolario dei termini architettonici. Nitidamente incise le tavole finali in rame (l’ultima raffigura la catapulta). La traduzione ed il compendio di Vitruvio editi dal Perrault, anche se sovente di libera interpretazione, contribuirono notevolmente alla circolazione del testo vitruviano nei secc. XVII e XVIII. Di quest’edizione l’Iccu (schede SBLE\019013 e UBOE\118164) censisce due emissioni, una con frontespizio in caratteri rossi e neri come questa, l’altra in caratteri solo neri. Cicognara, n. 732; Fowler, n. 423; Morazzoni, p. 261. Codice articolo LA328

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 24.

Jean Baptiste Bourguignon d’ Anville

Editore: Chez Merlin, Libraire, rue de la Harpe, à l’image de Saint Joseph. (1768)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 1.200,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: Chez Merlin, Libraire, rue de la Harpe, à l’image de Saint Joseph., 1768. Rilegato. Condizione: ottimo. Tre volumi in-12°. Elegante legatura in pelle maculata con dorso a cinque nervi e ricchi fregi in oro al dorso; titolo e numero di tomo in oro su due riquadri al dorso; tagli rossi, risguardi marmorizzati. Dieci illustrazioni: un’antiporta di Gravelot e 9 mappe geografiche. Ottimo esemplare con le consuete bruniture. I (Europa): pp. [2], XXIV, 341, [3]; 7 cc. di tavole illustrate: antiporta, p. 12: Orbis veteribus notus, Orbis Romani pars Occidentalis, p. 48: Gallia Antiqua ex Aevi Romani, p. 167: Italiae Antiquae, p. 229: Orbis Romani pars Orientalis, p. 242: Greciae. II (Asia): pp. [4], 379, [3]; 2 cc. di tavole illustrate: p. 5: Asiae, p. 152: Palestine. III (Africa): pp. [4], 348, [4]; 1 c. a p. 9 Aegyptus. L’opera di d’Anville, geografo e cartografo, forse il maggiore del secolo XVIII, è particolarmente notevole perché basata su un’accurata ricerca delle fonti antiche: disegnò le sue mappe non seguendo la tradizione consolidata, ma vagliando criticamente le fonti. Brunet I, 98. Codice articolo LA142

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 25.

Descrizione: In Venetia, appresso Bolognino Zaltiero. M. D. LXXIIII. (1574), 1574. Rilegato. Condizione: buono. Un volume in-4°, cc. [4], 125, [5]. Legatura settecentesca in mezza pergamena e carta decorata a motivi floreali. Titolo manoscritto al dorso. Capilettera istoriati, testatine silografiche. Un alone nel margine esterno del primo fascicolo, qualche annotazione a matita, per il resto buon esemplare genuino. Nella sguardia del piatto posteriore si legge scritto da mano ottocentesca Litta Vimercati. Buon esemplare. Prima edizione del volgarizzamento degli Stratagemata di Frontino, raccolta di stratagemmi militari con indicazioni sul combattimento, sugli assedi e sulle tattiche belliche, ad opera di Marcantonio Gandino, dedicata a Giacomo Soranzo, generale da Mar della Repubblica di Venezia. Scrive il Gamba (Serie, 1405): «In questa stimabile opera, e rara, ad ogni capo succedono osservazioni tratte da’ moderni storici, et havvi al fine un indice di coloro che dopo il Frontino hanno usato de’ stratagemmi, raccolto dagl’istorici al Frontino posteriori». La versione dell’opera di Frontino procurò al Gandino, appartenente a una nobile famiglia trevigiana, una notevole fama presso i contemporanei come esperto di architettura militare; egli fu anche perito nell’idraulica, nella meccanica e inventò la squadra mobile, strumento la cui invenzione fu attribuita erroneamente a Ottavio Fabris (cfr. DBI, s.v. Gandino Marcantonio). Codice articolo LA432

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 26.

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 150,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: In Colonia [i.e. Ginevra], Appresso Roberto Meietti. M. DC. LXXXV (1685)., 1685. Rilegato. Condizione: buono. Un volume in-12°, pp. 104, [4]. Legatura moderna in piena pergamena. Buon esemplare di un testo che Meietti pubblicò anche con la raccolta completa delle opere sarpiane, cfr. Le edizioni veneziane del Seicento, n. 410 e Cicogna 1095. Codice articolo LA431

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 27.

Descrizione: In Venetia, Per Francesco Rampazetto. M. DC. X. (1610), 1610. Rilegato. Condizione: buono. Un volume in-8°, in due parti, cc. [8], 100; 88, [4]. Legatura settecentesca in vitello screziato con segni d’usura; dorso a quattro nervi con titolo in oro su tassello rosso; riquadri decorati con un motivo floreale. Segnalibro in seta verde, tagli verdi, sguardie marmorizzate; lieve lacune alle cuffie. Aloni nelle prime e nelle ultime carte, ma nel complesso buon esemplare. Importante opera sulla Basilica di S. Marco compilata dal canonico Giovanni Stringa, già pubblicata nel 1601 e in quest’edizione notevolmente ampliata. Cicogna 521, 4611; Iccu, scheda VEAE\006305. Codice articolo LA277

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 28.

Descrizione: In Venezia, MDCCXC (1790). Presso Vincenzo Formaleoni., 1790. Rilegato. Condizione: molto buono. Un volume in-8, pp. 382, [2], 19 tavole ripiegate di mappe. Cartonato rustico coevo. Qualche lieve fioritura, ma nel complesso buon esemplare. Edizione uscita per i tipi del Formaleoni della Geografia del Buffier, la cui princeps in francese è del 1715. Notissima opera di geografia, strutturata con domande e risposte per facilitare l’apprendimento mnemonico. Rispetto all’indice delle tavole stampato in fondo, l’esemplare presenta 19 tavole, invece che 20 e ha mappe diverse da quelle elencate, in particolare le mappe IV e V sono riunite in una sola mappa in cui viene aggiunta la Svizzera (ma non c’è lo Stato della Chiesa); mancano la mappa VI relativa all’Italia meridionale e la X relativa all’Ungheria e sono aggiunte senza numerazione il Reno (p. 139) e la Grecia (p. 210). Iccu, scheda PUVE\024613. Codice articolo LA430

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 29.

Duclos, Charles Pinot (1704-1772)]

Editore: A Paris (i.e. Venezia), [Formaleoni], 1788 (1788)

Antico o usato
Rilegato

Quantità: 1

Da: Linea d'acqua (Venezia, Italia)

Valutazione venditore: 4 stelle

Aggiungere al carrello
Prezzo: EUR 550,00
Convertire valuta
Spese di spedizione: EUR 13,00
Da: Italia a: U.S.A.

Destinazione, tempi e costi

Descrizione: A Paris (i.e. Venezia), [Formaleoni], 1788, 1788. Rilegato. Condizione: ottimo. Due volumi in-24° (136 x 82 mm); I: pp. 192, 1 antiporta figurata; II: pp. 200, (4), 1 antiporta figurata. Brussura editoriale con fregi silografici. Nella sguardia si legge il nome di Marco Corniani. Esemplare in ottimo stato in barbe. Il romanzo libertino di Duclos è qui pubblicato nella raccolta della Bibliothèque amusante (47 opere in 106 volumetti) già stampata a Parigi nel 1782 e per cui il Formaleoni richiese ed ottenne privilegio e licenza di stampa. «Il piano dell’opera fu approvato dal revisore Cosimo Mei, che non vi aveva ravvisato niente di contrario “né alla religione, né ai principi, né ai buoni costumi”. Alla luce di tale assicurazione il 28 settembre i Riformatori autorizzarono la stampa della raccolta con una terminazione che imponeva la falsa data di Parigi. I volumetti iniziarono quindi ad uscire; agli inizi del 1788 ne erano già stati stampati 21». Il revisore Toderini, «un ex-gesuita di ampie conoscenze, ma tenace avversario dei lumi», richiese l’intervento dei Riformatori: i romanzi editi, a suo parere «scandalosi e detestabili», «attaccavano con finissima arte e malizia per ogni parte l’onestà e la buona morale e guastavano la radice della religione con conseguenze troppo fatali alla felicità degli stati». Fu così che fu proibita la vendita e la prosecuzione della raccolta, ma il Formaleoni aveva già ceduto le opere e i diritti sulla continuazione ad un altro editore, verosimilmente il Curti (la ricostruzione di tutta la vicenda si legge in M. Infelise, L’editoria veneziana, pp. 374-376). Codice articolo LA234

Informazioni sul venditore | Contattare il venditore 30.

Risultati (1 - 30) di 107